Pagelle Lazio-Milan: muro Romagnoli, bene Calabria. Suso un fantasma

Pagelle Lazio-Milan: muro Romagnoli, bene Calabria. Suso un fantasma

Brutta prestazione per il Milan nella semifinale d’andata, terminata 0-0: analisi, voti e giudizi della sfida dell’Olimpico contro la Lazio di Inzaghi

di Luca Fazzini, @_lucafazzini

 LE PAGELLE 

Paquetà in azione
Paquetà in azione (GETTY Images)

Donnarumma 6 – La Lazio spinge molto, ma gli crea pochi pericoli: controlla bene i palloni che passano dalle sue parti.

Calabria 6.5 – Perfetto e pulito in ogni intervento in fase difensiva, prova ogni tanto anche ad affacciarsi in avanti.

Musacchio 6 – Qualche piccola sbavatura nel primo tempo, ma in generale è attento e concentrato. Prestazione solida.

Romagnoli 6.5 – Sempre più leader e certezza: amministra con tranquillità la difesa, non concedendo particolari spazi ad un cliente scomodo come Immobile.

Laxalt 5.5 – Dovrebbe far valere la sua propensione offensiva, ma non ci riesce. Soffre in fase difensiva, dove spesso Borini torna a dargli una mano.

Kessié sv – Sfortunato, ma dovrebbe tornare con il Sassuolo (dal 29′ Calhanoglu 5 – Cambia più volte posizione, ma non riesce ad imporsi: sbaglia parecchio, non riesce ad essere pericoloso in fase offensiva).

Bakayoko 5.5 – Probabilmente la prestazione più scialba degli ultimi due mesi: sbaglia molto in fase di impostazione, appare lento e poco ispirato.

Paquetà 6 – Tra i migliori di serata: bene in fase difensiva e di interdizione, un po’ meno in quella offensiva, dove non trova il guizzo giusto per innescare gli attaccanti (dall’84’ Biglia sv).

Suso 4.5 – Un fantasma: ai limiti dell’irritante la prestazione dello spagnolo, prevedibile per i 79′ in cui resta in campo. Lento in molte azioni offensive, non è mai pericoloso (dal 79′ Castillejo sv).

Piatek 5.5 – Svolge un buon lavoro in fase di sponde, ma non basta: dalla sua ha che riceve pochissimi palloni, ma non riesce mai ad essere pericoloso, ben curato da Acerbi.

Borini 6.5 – Partita di grande sacrificio per Fabio, che in fase offensiva prova (senza particolare fortuna, in realtà) a costruire qualcosa. Merita una menzione, però, il grande lavoro in fase difensiva, dove molto spesso aiuta in maniera significativa Laxalt.

VAI ALLA PROSSIMA SCHEDA PER IL GIUDIZIO SUL MISTER!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy