Calciomercato Milan – Andre Silva e Suso “pagano” Jovic

MERCATO MILAN – Con le cessioni di Andre Silva e Suso a titolo definitivo il Milan potrebbe ricavarne i soldi necessari per acquistare Luka Jovic

di Alessio Roccio, @Roccio92
Luka Jovic Real Madrid

MERCATO MILAN – Reduce da uno straordinario periodo con la maglia dell’Eintracht Francoforte, il futuro di Andre Silva si fa sempre più interessante. L’attaccante lusitano ha già ampiamente espresso la propria volontà di restare in Germania anche in futuro e di non voler far ritorno al Milan. Il club rossonero, dal canto suo, si può sfregare le mani perché, non essendoci una cifra pattuita per il riscatto, ogni rete realizzata significa un potenziale aumento del valore del giocatore.

I rossoneri a fine stagione si siederanno al tavolo con la dirigenza dell’Eintracht e discuteranno il futuro di Andre Silva e di Ante Rebic, coi giocatori in prestito ancora per un anno (fino al 2021), ma che vorrebbero che venissero anticipati i riscatti.

Sempre in estate, poi, il Milan potrebbe ricevere poco più di 20 milioni anche dal Siviglia per il riscatto di Jesùs Suso che diventerà obbligatorio in caso di qualificazione alla prossima Champions League del club andaluso (attualmente terzo). Un gruzzolo che se sommato ad un’altra potenziale ventina di milioni che il club rossonero incasserebbe per Andre Silva, permetterebbe al Milan di poter investire il denaro per Luka Jovic.

Il serbo – pagato 60 milioni un anno fa dal Real Madrid – è in uscita dai Blancos dopo aver deluso in questa stagione. La strategia del Milan è chiara: offrire un prestito biennale con un obbligo di riscatto al raggiungimento di determinate condizioni. Il Real Madrid vorrebbe che il riscatto fosse solamente obbligatorio, ma in quel caso i rossoneri abbasserebbero il valore dell’offerta. Intanto, per il settore giovanile, il Milan ha messo gli occhi su un talento brasiliano di 16 anni>>>

SEGUICI SUI SOCIAL : CLICCA QUI ⇓

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy