Emre Can, ‘mea culpa’ sui social: “Non dirò nient’altro, rispetto la Juventus”

Emre Can, ‘mea culpa’ sui social: “Non dirò nient’altro, rispetto la Juventus”

Il centrocampista Emre Can, esploso per la mancata iscrizione in lista Champions, ha fatto retromarcia chiedendo scusa per lo sfogo a società e compagni

di Daniele Triolo, @danieletriolo

ULTIME MILANEmre Can, classe 1994, centrocampista tedesco (ma di origine turca) della Juventus, era esploso, qualche ora fa, verso la società bianconera, rea, a suo dire, di averlo estromesso dalla lista per la Champions League 2019-2020 quando, appena pochi giorni prima, gli era stato garantito il contrario.

Emre Can, che aveva avviato dei dialoghi con il PSG per andare via da Torino negli ultimi giorni del mercato estivo, ha dichiarato di essersi sentito tradito dalla ‘Vecchia Signora‘ e che, se avesse saputo di non poter disputare la Champions League, certamente avrebbe preso in considerazione l’idea di trasferirsi altrove a fine agosto.

Evidentemente, però, deve essere arrivata, all’ex calciatore del Liverpool, una bella tirata d’orecchie dal club di Corso Galileo Ferraris, perché, nel pomeriggio, attraverso un paio di post pubblicati sul suo account ufficiale del popolare social networkTwitter‘, Emre Can, in inglese, ha fatto retromarcia e chiesto umilmente scusa a tutti per lo sfogo.

“Sarò sempre grato alla Juventus e per come mi ha supportato ed è stata al mio fianco sin da quando faccio parte di questo club, soprattutto durante la mia malattia – ha scritto Emre Can -; per rispetto della Juventus e dei miei compagni, i cui successi sul campo rappresentano la mia prima priorità, non dirò nient’altro e continuerò a combattere sul campo”. Duro, invece, sulle mosse di mercato del Milan l’avvocato Giuseppe La Scala, intervenuto a ‘Radio Sportiva‘: per le sue dichiarazioni, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy