Gazidis: “San Siro è un’istituzione, ma il nuovo stadio una priorità”

L’Amministratore Delegato del Milan Ivan Gazidis ha rilasciato una lunga intervista a “Grant Wahl” per il podcast “Fútbol”. Le sue parole sullo stadio

di Alessio Roccio, @Roccio92
Stadio San Siro AC Milan

Gazidis tra San Siro e nuovo stadio

 

L’Amministratore Delegato del Milan Ivan Gazidis ha rilasciato una lunga intervista a “Grant Wahl” per il podcast “Fútbol”. Queste le sue parole sul nuovo stadio e sul futuro di San Siro.

“Ci sono diversi pilastri su cui basare la nostra crescita. Uno di questi è quello dello stadio. Giochiamo a San Siro, uno degli stadi più belli del mondo, è un’istituzione per il club e per la città di Milano. Però il primo anello di San Siro è stato costruito nel 1924, il secondo nel 1950 e il terzo nel 1990. È uno di quegli stadi antichi che non ha le strutture adeguate richieste dallo sport moderno. In MLS abbiamo visto cosa abbia significato lo sviluppo degli stadi per la crescita generale del movimento, lo abbiamo visto in Premier League: qui in Italia c’è bisogno di nuovi stadi, nuove strutture, inclusive e appropriate per la prossima generazione di tifosi. Costruire un nuovo stadio qui a Milano è una delle nostre priorità. Negli ultimi due anni abbiamo fatto tanti progressi su questo argomento: abbiamo ricevuto l’approvazione preliminare da parte del Comune di Milano, abbiamo sviluppato un piano per quello che crediamo che sarà il miglior stadio del mondo. Tutto questo è possibile perché ci sono due giganti del calcio italiano, Milan ed Inter, che condivideranno lo stadio. Questo ci permetterà di fare cose davvero speciali. Sarà iconico. Il secondo pilastro è quello di modernizzare il club. Sviluppare la digitalizzazione del club per raggiungere più tifosi possibile in giro per il mondo. Abbiamo più di 500 milioni di tifosi, ma quando sono arrivato due anni fa il club non aveva un’applicazione ufficiale ad esempio. Da questo punto di vista stiamo crescendo e migliorando a vista d’occhio, la scorsa settimana abbiamo inaugurato gli “Studios” per sviluppare contenuti digitali originali. Abbiamo portato anche nuovi partner commerciali nonostante, a causa del Covid, il periodo sia molto complicato da questo punto di vista. La nostra rete di partner è cresciuta, i ricavi stanno migliorando. E infine c’è un altro pezzo molto importante: in questo periodo storico si sta parlando di come si svilupperà il futuro del calcio europeo ed è molto importante che anche il Milan partecipi in modo attivo e centrale a questo discorso. Siamo al tavolo delle discussioni in una posizione attiva e rispettata sia in Italia che in Europa. Il Milan sarà al centro dei prossimi sviluppi del calcio nazionale e internazionale. Tutto si sta muovendo verso la giusta direzione”, le parole del dirigente rossonero.

 

MERCATO MILAN – ADDIO DALOT! MALDINI HA DECISO IL NUOVO TERZINO>>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy