Video Milan sui conti: “Zero debiti con le banche”

Video Milan sui conti: “Zero debiti con le banche”

Il Milan, attraverso i suoi canali social, ha puntualizzato nella serata di ieri la propria situazione debitoria: “Diamo i numeri nero su bianco”

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Il Milan si è stancato dei continui attacchi dell’opinione pubblica sulla presunta situazione debitoria del club, a detta di qualcuno impossibile da sostenere. E se nelle precedenti circostanze, ogni qualvolta si è presentata l’occasione, l’amministratore delegato rossonero, Marco Fassone, ha risposto in prima persona (come nel caso delle dichiarazioni del Presidente della Roma, James Pallotta, o del Sindaco di Milano, Giuseppe Sala), ieri il Milan ha deciso di fare il punto, in un video, della reale situazione economica in Via Aldo Rossi.

“Diamo i numeri nero su bianco”, l’incipit del video diffuso dal Milan sui propri canali social, il cui contenuto sottolinea i dati più importanti sui quali dare garanzie a tifosi ed addetti ai lavori “14 i giocatori regolarmente acquistati e rinnovati, 80 milioni in fidejussioni depositate in Lega nell’ultimo mese, 0 euro in esposizione debitoria verso il sistema bancario, 0 euro di anticipazioni di nuovi crediti dal closing in poi, 130 milioni di finanziamento chiesto al fondo Elliott da rimborsare entro ottobre 2018, 236 milioni il bilancio della scorsa stagione, 263 milioni di ricavi previsti a budget per questa stagione, 84 milioni come aumento di capitale deliberato e sottoscritto dopo il closing”.

Questi, per l’A.C. Milan, i veri numeri della società. Con buona pace di qualsiasi detrattore.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Fassone risponde a Sala: “Rimasto male delle sue parole: questi i nostri numeri”

Guerra Milan – Sky sulle fidejussioni: interviste negate

Fassone risponde a Pallotta: “Sbalorditi dall’attacco: mettiamo a confronto i bilanci”

SEGUICI SU: Facebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy