Coppa Italia – Lazio-Milan, Gattuso si tiene il risultato: “Passo indietro nel gioco”

Gennaro Gattuso, tecnico rossonero, non particolarmente soddisfatto dalla prestazione offerta dai suoi ragazzi all’Olimpico contro i biancocelesti

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Lazio-Milan, semifinale di andata di Coppa Italia disputatasi ieri sera allo stadio ‘Olimpico’ di Roma, è terminata 0-0. Il risultato non è una novità tra le due squadre: anche nella passata edizione della coppa nazionale, dopo 180’ a reti bianche tra andata e ritorno, ci vollero ben 13 rigori per mandare il Milan in finale contro la Juventus.

Anche stavolta l’impressione è che l’infinita partita tra Lazio e Milan possa andare per le lunghe, con Simone Inzaghi che non ha mai battuto Gennaro Gattuso, il quale, al contrario, vanta una vittoria contro il collega (28 gennaio 2018, Milan-Lazio 2-1, con il contestato gol di braccio di Patrick Cutrone). Da qui al prossimo 24 aprile, comunque, quando si giocherà la semifinale di ritorno a ‘San Siro’, i tecnici avranno tempo per studiare strategie e capire come superarsi a vicenda.

Certamente, va detto, ieri sera un po’ meglio la Lazio, che, nei numeri almeno, ha dimostrato di volerci provare di più rispetto ai rossoneri: cinque tiri in porta dei biancocelesti contro uno solo del Diavolo, sette tiri fuori dallo specchio contro due. Perso per infortunio Franck Kessie, il Milan ha cominciato a vacillare, e non è capitolato per l’imprecisione della squadra capitolina sotto rete (vedasi anche il palo di Ciro Immobile, seppur partito da evidente posizione di fuorigioco).

Il Milan, a conti fatti, ha portato via un pareggio dall’Olimpico resistendo senza troppa fatica. Al termine della gara, però, Gattuso si è presentato ai microfoni delle televisioni per il commento finale manifestando soddisfazione per il risultato ma non la prestazione dei suoi ragazzi. “A livello di qualità abbiamo fatto un passo indietro, a livello difensivo però abbiamo giocato molto bene. La Lazio è una squadra molto fisica, ci ha aspettato e noi abbiamo sbagliato tanto. Krzysztof Piatek non è mai stato servito, cercavamo sempre la verticalizzazione e abbiamo sbagliato su questo. Ci teniamo la prestazione difensiva, io però preferisco le prestazioni a 360 gradi”.

Gattuso, condottiero vero, ha fatto intendere di non volersi accontentare mai: “Non mi interessano i titoli, voglio lavorare e tirare fuori il meglio dai giocatori – ha commentato -. Il nostro progresso è costante. Mi tengo stretto il pareggio anche se potevamo fare meglio”.

PER LE PAGELLE ROSSONERE AL TERMINE DI LAZIO-MILAN, CONTINUA A LEGGERE >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy