Milan, Rangnick avrebbe portato De Zerbi in panchina nel 2021-2022

Milan, Rangnick avrebbe portato De Zerbi in panchina nel 2021-2022

ULTIME NOTIZIE MILAN NEWS – Ralf Rangnick avrebbe avviato il progetto che aveva in mente per il Milan per poi lasciare la panchina al tecnico del Sassuolo

di Daniele Triolo, @danieletriolo
Ralf Rangnick

ULTIME NOTIZIE MILAN NEWS – ‘La Gazzetta dello Sport‘ oggi in edicola ha voluto ripercorrere la storia del matrimonio mancato tra Ralf Rangnick ed il Milan. La ricostruzione fatta dal ‘Professor‘ Rangnick coincide con quanto ammesso finora dai vertici rossoneri.

Prima di tutto, il fatto che non siano mai esistiti né un contratto firmato tra le parti né, tanto meno, una penale da pagare per non aver celebrato un’unione che appariva sicura da mesi. I primi contatti tra Rangnick ed il Milan, in fin dei conti, risalgono a fine ottobre 2019.

Particolare, anche questo, confermato dall’amministratore delegato Ivan Gazidis alla squadra rossonera quando, lo scorso 7 marzo, fece visita al gruppo a Milanello alla vigilia di Milan-Genoa. Erano giorni al veleno quelli, con invadenti dichiarazioni di Rangnick ai media tedeschi ed un ambiente rossonero piuttosto ‘caldo’.

L’intervento di Gazidis, all’insegna della chiarezza e della trasparenza, fece bene al gruppo ed al tecnico Stefano Pioli. L’idea di Gazidis di affidarsi a Rangnick era scaturita all’indomani dell’addio a Marco Giampaolo, prima di prendere contatti con Luciano Spalletti e lo stesso Pioli.

Il quale, poi, a lungo andare avrebbe poi vinto la ‘volata’ con Rangnick, confermando il proprio posto al Milan per altre due stagioni. Nel frattempo, però, ha evidenziato la ‘rosea‘, il Diavolo tra Milan e Rangnick è proseguito tra alti e bassi. Prima con il taglio del budget per il mercato, passato da 100 a 75 milioni, causa pandemia da coronavirus.

E poi perché Rangnick, come noto, avrebbe voluto rivestire la duplice veste di allenatore e direttore tecnico. Ma con un Pioli che, post-lockdown, ha iniziato a far volare il suo Milan, come avrebbe potuto Gazidis mandarlo via? Oltretutto l’allenatore emiliano ha tutta la squadra dalla sua parte …

Rangnick aveva iniziato ad imparare l’italiano per calarsi nel nuovo ruolo. Aveva cominciato a studiare, anche, le realtà italiane ed i complimenti a Gian Piero Gasperini per l’Atalanta non sono stati casuali. Per il suo tipo di gioco, avrebbe visto bene Gasperini sulla panchina del Diavolo quando, nella stagione 2021-2022, lui sarebbe passato soltanto dietro la scrivania lasciando la gestione tecnica ad un altro allenatore.

Progetto poco attuabile, quello di Gasperini. Ecco perché, secondo ‘La Gazzetta dello Sport‘, Rangnick si era poi rivolto a Roberto De Zerbi, allenatore del Sassuolo, prenotandolo per la stagione successiva per il Milan, l’anno uno della sua rivoluzione. Altro piano arenatosi dopo i tanti successi di Pioli.

Tra Rangnick e il Milan, dunque, un matrimonio che non si è celebrato. Ma il tedesco non ha voltato le spalle ai rossoneri e, essendo un uomo libero dalla ‘Red Bull‘, non è detto che nel prossimo futuro le parti non possano riavvicinarsi … LEGGI QUI L’INTERVISTA INTEGRALE DI RANGNICK ALLA ‘ROSEA’ >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy