Milan, la soddisfazione di Pioli: “Con Ibrahimovic saliremo ancora”

MILAN NEWS – Stefano Pioli, tecnico rossonero, ha commentato così il 2-0 dei suoi ragazzi a ‘San Siro’ contro la Roma. “Che soddisfazione battere una big”

di Daniele Triolo, @danieletriolo
Stefano Pioli Milan

MILAN NEWSStefano Pioli, tecnico rossonero, si gode il suo Milan con vista Europa League e festeggia la sua prima vittoria contro una delle prime 6 squadre in classifica ben 440 giorni dopo che il Diavolo era riuscito in un’impresa simile, accaduta il 13 aprile 2019 in occasione di Milan-Lazio 1-0, calcio di rigore di Franck Kessié.

Ieri in un ‘San Siro‘ deserto, ma caldissimo, il Milan ha battuto per 2-0 la Roma grazie ai gol di Ante Rebic e Hakan Calhanoglu. Pioli ha commentato così la prestazione dei suoi ragazzi: “La partita l’abbiamo vinta meritatamente, perché, pur commettendo qualche errore, siamo stati squadra ed abbiamo avuto ragione di una formazione che ha tante qualità”.

“Era da tempo che aspettavamo un’affermazione contro una big e siamo contenti – ha proseguito Pioli -. Ora però dobbiamo recuperare le energie”. Spal-Milan, infatti, in programma mercoledì sera a Ferrara, è dietro l’angolo. Probabile che il tecnico faccia ricorso ad un po’ di turnover per far rifiatare qualche elemento più giù di forma o stanco.

“I cambi da qui alla fine della stagione saranno importantissimi perché fa molto caldo ed è impensabile pensare di giocare a ritmi intensi senza sostituzioni. In più scendere in campo a quest’orario è davvero difficile. Mi fa piacere, però, constatare che i ragazzi hanno il giusto atteggiamento, e, anche se contro le grandi i risultati non sono stati dalla nostra parte, le prestazioni erano state in passato anche importanti”.

“Questi tre punti ci danno morale, ma da domani (oggi, n.d.r.), sotto con la prossima sfida che è sempre la più importante – ha detto Pioli -. Rebic? Può migliorare senz’altro: lui non è solo forte fisicamente, ma ha anche capacità tecniche indubbie. Credo che sia più una prima ed una seconda punta che un attaccante esterno. Di certo ha tanta quantità, ma ci mette pure della qualità e vedrete che, se manterrà un simile atteggiamento, si toglierà altre soddisfazioni. Avrei voluto tenerlo in campo ancora un po’, ma mi ha chiesto di uscire perché non ne poteva più. Dopo aver attaccato in continuazione la profondità era stremato”.

In merito, poi, al prossimo ritorno di Zlatan Ibrahimovic, Pioli ha dichiarato: “I numeri del Milan con Zlatan sono sempre stati positivi ed il suo rientro ci darà altre soluzioni: con lui potremo migliorare ancora”. Complimenti, da Pioli, poi, per come è entrato in campo Lucas Paquetá (“Si è fatto trovare pronto e ha fatto un bel lavoro: vorrei che diventasse più determinante”) e per Simon Kjaer che, seppur non al top della condizione atletica, ha stretto i denti e giocato titolare.

“Ho sempre creduto che la testa sia più importante delle gambe – ha concluso il tecnico del Milan -, ma è innegabile che a casa, durante il lockdown, ed anche a Milanello, i ragazzi ci abbiano dato dentro. Ho un gruppo che si sta impegnando e su questa strada dobbiamo continuare a fino ad agosto. Un solo gol subito negli ultimi tre incontri? La fase difensiva deve essere un nostro punto di forza”. LEGGI QUI LE DICHIARAZIONI POST-PARTITA DEL CAPITANO ALESSIO ROMAGNOLI >>>

SEGUICI SUI SOCIAL : CLICCA QUI ⇓

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy