Calciomercato Milan – Ipotesi di scambio Under-Calhanoglu

Come riportato questa mattina dal Corriere dello Sport, il Milan e la Roma sarebbero tornate a parlare di uno scambio tra Under e Calhanoglu

di Alessio Roccio, @Roccio92

CALCIOMERCATO MILAN – Come riportato questa mattina dal Corriere dello Sport, il Milan e la Roma sarebbero tornate a parlare di uno scambio tra Cengiz Under e Hakan Calhanoglu. Da un turco all’altro, dunque, visto che i due si conoscono molto bene, essendo amici e compagni della nazionale allenata da Senol Gunes.

Entrambi i giocatori non stanno passando una grande stagione. L’esterno della Roma è passato in pochi mesi da talento in rampa di lancio e dal valore di mercato in costante ascesa a elemento sacrificabile della rosa vista la conferma di Zaniolo e il ritorno di Pellegrini su ottimi livelli. Under, infatti, in questo campionato ha giocato solamente 3 gare dal 1′, per un totale di 8 presenze e una rete. Davvero poca roba per il classe 1997 che è dovuto rimanere ai box per circa 2 mesi da metà agosto a fine ottobre per un problema al bicipite femorale.

Non se la passa meglio il numero 10 del Milan, sebbene nello scacchiere tattico di Pioli sia comunque uno degli intoccabili. Nemmeno la rivoluzione tattica e di uomini di Cagliari ha scalfito l’ex Bayer Leverkusen, sebbene nella ripresa sia stato sostituito da Bonaventura. I rossoneri lo valutano circa 15 milioni, mentre la Roma valuta decisamente di più Under. Impossibile, dunque, uno scambio secco con le stesse valutazioni, anche perché Under ha 4 anni in meno.

Il Milan si priverebbe più volentieri di Suso, che potrebbe avere problemi all’interno dello spogliatoio. Nelle prossime settimane ne sapremo di più, ma intano Petrachi e Massara dialogano e lo scambio tra turchi non è poi così un’ipotesi utopistica. Intanto, il Milan saluta Caldara: ecco il messaggio al difensore>>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy