Suso, fulcro anche con Pioli. Ma i precedenti del tecnico dicono che …

Suso, fulcro anche con Pioli. Ma i precedenti del tecnico dicono che …

Cambia la guida tecnica ma non cambia la certezza di questo Milan che si chiama Suso. I precedenti di Pioli però fanno emergere una statistica curiosa…

di Renato Panno, @PannoRenato

ULTIME NEWS MILAN Stefano Pioli è diventato ufficialmente il nuovo allenatore del Milan dopo l’esonero di Marco Giampaolo. Una scelta sofferta, come testimoniato dalla faccia scura dei dirigenti in conferenza stampa, ma giusta e condivisa. Questa è l’idea di fondo che è sembrata trasparire dalle parole di Gazidis, Boban, Maldini e Massara. Dopo la presentazione, Pioli ha diretto il primo allenamento che ha visto la rosa rossonera decimata dai tanti giocatori impegnati con le rispettive nazionali. Difficile lavorare al meglio in queste condizioni, ma questi primi giorni serviranno molto all’ex Fiorentina per conoscere alcuni dei suoi nuovi giocatori.

Considerando sue parole in conferenza stampa e quello che è stato il suo modulo preferito in carriera, non sembra difficile azzardare che il Milan scenderà in campo, almeno inizialmente, con il 4-3-3. La rosa, che conta diversi esterni, si presta alla perfezione a questo tipo di soluzione che dovrebbe essere quella prediletta. Non è quindi una chimera affermare che, ancora una volta, sarà Jesus Suso il fulcro anche di questo nuovo Milan. Lo spagnolo è una costante rossonera ormai da anni, dal momento che, spesso e volentieri, ha tolto le castagne dal fuoco alla sua squadra con la sua qualità. Come affermato dallo stesso Pioli, Suso dovrà essere messo nelle condizioni ideali per sfruttare la sua abilità nell’uno contro uno, così da offrire palloni utili ai compagni.

Detto ciò, bisogna però notare una statistica curiosa che riguarda le squadre di Stefano Pioli. Nelle precedenti esperienze, soprattutto con Lazio, Inter e Fiorentina, si può notare che il neo allenatore rossonero non ha mai utilizzato in quella posizione un giocatore a piede invertito, alla Suso per comprendere meglio. Nella Lazio e nell’Inter quel ruolo è stato appannaggio di Antonio Candreva e nella Fiorentina di Federico Chiesa. Se un destro gioca sulla destra, il suo compito sarà quello di guadagnare il fondo e cercare il cross in mezzo. Se nella stessa posizione ci sarà un sinistro, quest’ultimo dovrà rientrare sul suo piede forte per creare scompiglio. Questo dato, probabilmente, non va a minare quella che sarà la posizione di Suso, ma può far riflettere sulle idee di Pioli. Il numero 8 sarà certamente un punto fermo di questa squadra, ma c’è questa variabile da tenere in considerazione. Intanto ecco le parole di Oliver Bierhoff su Paolo Maldini e Zvonimir Boban, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy