Milan, bilancio e voto del mercato tra cose formali ed emozioni a non finire

Milan, bilancio e voto del mercato tra cose formali ed emozioni a non finire

Si è conclusa ieri la sessione estiva di calciomercato del Milan: reparto per reparto, chi è arrivato, chi ha salutato la compagnia e cosa poteva succedere

di Daniele Triolo, @danieletriolo

COSE FORMALI

“Ed ora, è giunto il momento di passare alle cose formali”. Questo è stato il leitmotiv che, dallo scorso 30 maggio, giorno dell’ufficialità di Mateo Musacchio, al 22 agosto, quando è stato presentato, con la consolidata diretta social, Nikola Kalinić, ha accompagnato i tifosi rossoneri in una caldissima estate di calciomercato. Un periodo che è stato molto divertente, emozionante, caratterizzato da ben 11 acquisti di livello ed una valanga di partenze: i nuovi dirigenti del Milan ‘cinese’, Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli, rispettivamente amministratore delegato e direttore sportivo del club di Via Aldo Rossi, hanno saputo conquistare i sostenitori grazie ad una campagna rafforzamento di prim’ordine, mirata alle esigenze del tecnico Vincenzo Montella, con un unico grande scopo: riportare il Milan in alto, là dove merita di stare una società di tale storia e blasone. Analizziamo, reparto per reparto, chi è arrivato, chi ha salutato la compagnia e cosa sarebbe potuto accadere in questi tre mesi, per un bilancio ed un voto del mercato rossonero.

VAI ALLA PROSSIMA SCHEDA

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy