Brescia, dalla B alla A cambia poco: la squadra continua a stupire

Brescia, dalla B alla A cambia poco: la squadra continua a stupire

A sorpresa il Brescia ha battuto il Cagliari alla Sardegna Arena nella prima di campionato. A ben vedere, però, non si tratta di una sorpresa

di Renato Panno, @PannoRenato

ULTIME MILAN – Dall’entusiasmo per la promozione in A alla prima di campionato proprio nella massima competizione è cambiato poco per il Brescia che sa fare soltanto una cosa: stupire. Dal 3 febbraio, data in cui le Rondinelle hanno conquistato il primo posto dopo il 5-1 al Pescara, la squadra di Eugenio Corini non conosce altre posizioni se non la prima in classifica. Il gol di Alfredo Donnarumma su rigore fa continuare una striscia positiva che non vuole arrestarsi a ‘San Siro’ contro il Milan. Tutto ciò comunque è frutto del lavoro costante di allenatore, società e staff.

Innanzitutto il merito è da conferire proprio al suo allenatore Eugenio Corini, capace di trasmettere una filosofia positiva e propositiva. Il tecnico ha ribaltato il concetto tutto italiano del “vince chi subisce di meno”. La sua squadra vince perché segna di più e la testimonianza sta nel fatto che il Brescia, pur avendo vinto il campionato, conta ‘solo’ la quarta miglior difesa del torneo. Ambizione e consapevolezza fanno poi il resto, in una squadra che, di sicuro, non si presenterà in casa del Milan in gita, ma tenterà di vincere come il suo allenatore gli ha sempre insegnato. Intanto due giovani del Milan vanno verso il prestito al Rende, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy