Milan, tante grane tecniche e societarie da risolvere: il punto

MILAN NEWS – Come viene riportato dal “Corriere della Sera”, il Milan deve risolvere diverse grane sia dal punto di vista tecnico e sia da quello societario

di Salvatore Cantone, @sa_cantone
Maldini Gazidis calciomercato Milan

MILAN NEWS Il Corriere della Sera, in edicola questa mattina, analizza la situazione attuale del Milan. E’ vero che l’impresa contro la Juventus era già complicata alla vigilia della gara, considerando le assenze di ibrahimovic, Castillejo e Theo Hernandez, ma di fatto i rossoneri non sono riusciti a sfruttare la via più breve per la qualificazione alle coppe europee, e dunque ora dovranno sudarsela in campionato.

Ma cosa succederà nelle prossime settimane al Milan? Ivan Gazidis prende tempo, rimandando ogni decisione al termine della stagione. Maldini, nonostante non abbia apprezzato i contatti avuti con Ralf Rangnick, è convinto che i bilanci vadano stilati al termine dell’annata. Elliott non vuole l’addio da parte dell’attuale direttore dell’area tecnica, a patto che l’ex capitano accetti di lavorare in un’ottica di collaborazione aziendale. Maldini vorrà rimanere anche con il rischio di essere depotenziato da Rangnick, che, come noto, vorrebbe dettare le linee guida del mercato?

Discorso panchina. Solo un clamoroso ribaltone permetterebbe a Stefano Pioli di rimanere sulla panchina del Milan. Il tecnico, dunque, con ogni probabilità lascerà, ma ha il merito di essere rimasto sempre in silenzio nonostante la situazione difficile. Infine la questione legata al futuro di Zlatan Ibrahimovic: il progetto giovani voluto dalla proprietà, e la richiesta dello svedese di un ingaggio da 6 milioni, allontanano sempre di più lo svedese dal Milan. Vedremo cosa succederà, ma il Monza di Berlusconi e Galliani è pronto a fare follie…  INTANTO UN CALCIATORE LASCERA’ IL MILAN AL TERMINE DELLA STAGIONE, CONTINUA A LEGGERE >>>

SEGUICI SUI SOCIAL : CLICCA QUI ⇓

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy