Sampdoria, Ranieri: “Primo sogno? Salvarci. Su Ferrero e Quagliarella …”

Sampdoria, Ranieri: “Primo sogno? Salvarci. Su Ferrero e Quagliarella …”

Claudio Ranieri, nuovo allenatore della Sampdoria al posto di Eusebio Di Francesco, ha parlato del suo nuovo incarico ai microfoni di ‘Sky Sport’

di Daniele Triolo, @danieletriolo

ULTIME SAMPDORIAClaudio Ranieri, nuovo allenatore della Sampdoria al posto di Eusebio Di Francesco, ha parlato del suo nuovo incarico ai microfoni di ‘Sky Sport‘. Queste le dichiarazioni di Ranieri:

Sulla stagione della Sampdoria: “Bisogna operare subito, cercare di fare reagire questi ragazzi”.

Su Roma-Sampdoria nel giorno del suo compleanno: “Attraversiamo un periodo particolare, molto difficile. Bisogna cercare di fare punti”.

Sulla possibilità di salvezza: “Ho accettato perché conosco da avversari questi giocatori, non mi capacito come siano a questo punto in classifica. Mi aspetto una reazione, soprattuto mentale”.

Su cosa chiederà alla squadra: “Non mollare mai, il massimo impegno. Affinché i nostri tifosi siano sempre orgogliosi di noi”.

Sul modulo che adotterà a Genova: “Non credo molto ai sistemi di gioco, ma nelle qualità dei giocatori. Vedrò chi sarà pronto a dare tutto sé stesso per la maglia e da lì tirerò fuori il modulo”.

Su cosa sognano i tifosi: “I tifosi hanno bisogno di sognare, ma ora, come primo sogno, dobbiamo salvarci”.

Sulla cessione societaria: “Noi facciamo parte del campo verde, dobbiamo soltanto pensare a fare bene per società, tifosi e noi stessi. Ciò che succede su altri tavoli non ci appartiene”.

Su Massimo Ferrero: “Impressione all’inizio positiva. E’ una persona che ha a cuore le sorti della Sampdoria e vuole fare di tutto per il bene della Sampdoria”.

Su Fabio Quagliarella: “Dipende da come sta fisicamente, emotivamente, psicologicamente. Se sente molto il peso della Sampdoria. Mi auguro che voglia essere l’uomo ed il capitano che dà qualcosa in più per il bene della sua squadra”.

Sulla missione di salvataggio della Sampdoria: “Grossa difficoltà, prendere una squadra ultima in classifica non è mai facile. Ma tutta la mia carriera di allenatore non è mai stata facile. Basta voler affrontare le difficoltà e fare il massimo”.

Sul campionato: “Visto da fuori, campionato equilibrato: tutti cercano di accorciare le distanze dalla Juventus, squadra monstre degli ultimi anni. Campionato interessante, anche le squadre in basso fanno il massimo per colmare il gap. Certo, non per andare in Europa, ma per salvarsi il prima possibile”.

Della situazione del Milan, invece, altro club che ha cambiato da poco allenatore, ha parlato oggi Ricardo Kaka: per le sue dichiarazioni, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy