Crisi Milan: Fassone e Gattuso tengono tutti a rapporto

Crisi Milan: Fassone e Gattuso tengono tutti a rapporto

Tensione in casa rossonera dopo il tonfo interno contro il Benevento: Gennaro Gattuso e Marco Fassone hanno richiamato la squadra all’ordine

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Sabato sera, a San Siro, si è concretizzato un incubo per il Milan, sconfitto in casa per 1-0 dal fanalino di coda Benevento. Nel pomeriggio di ieri, poi, dopo la vittoria dell’Atalanta sul Torino, è avvenuto anche il sorpasso al sesto posto in classifica, operato proprio dagli orobici di Gian Piero Gasperini che, attualmente, costringerebbero i rossoneri a disputare, per la seconda stagione consecutiva, i preliminari di Europa League.

Nel mezzo, come hanno ricordato i quotidiani sportivi oggi in edicola, c’è stata una grande strigliata, quella dell’amministratore delegato del club di Via Aldo Rossi, Marco Fassone, e del tecnico milanista, Gennaro Gattuso, nel corso della mattinata a Milanello, dove i giocatori, per volere dell’allenatore, si sono ritrovati per allenarsi nonostante, inizialmente, fossero previsti due giorni di riposo, domenica e lunedì, per il post-Benevento.

La tensione, in casa rossonera, è talmente tanta che è stato cancellato anche il giorno di riposo previsto per oggi. Decisione che, per ‘La Gazzetta dello Sport’ oggi in edicola, non sarebbe stata accolta nel migliore dei modi da più di qualche giocatore, più che altro per una necessità di riposare. Nel discorso di ieri alla squadra Gattuso sarebbe stato fermo, ma avrebbe espresso amarezza per quanto sta combinando il suo Milan sul rettangolo di gioco, dove ha vanificato nell’ultimo mese ciò che di buono aveva fatto prima.

Occorrerà, ora, grande equilibrio ed ulteriore ‘sensibilità’ da parte di Gattuso nella gestione del gruppo. Fassone, invece, ha ricordato a Leonardo Bonucci e compagni come sia di fondamentale importanza, per il Milan, partecipare alla prossima edizione dell’Europa League, in termini di prestigio ma soprattutto economici. Non accedervi sarebbe un grosso rischio per la società rossonera. Arrivare settimi e giocare nuovamente i preliminari, infatti, costringerebbe il Milan a cambiare i programmi estivi, iniziare a lavorare prima con tutto quello che ne conseguirà, poi, durante la stagione.

Massimiliano Mirabelli, direttore sportivo del Milan, era presente a Milanello ma, per la ‘rosea’, non avrebbe parlato, limitandosi ad ascoltare Gattuso e Fassone.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Verso Bologna-Milan: a centrocampo Locatelli o Montolivo: i numeri

Biglia crac, due vertebre rotte: a rischio stagione e Mondiali

Milan, tutti i numeri della crisi rossonera

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy