Sacchi spiega il fallimento del progetto Sarri alla Juventus

Sacchi spiega il fallimento del progetto Sarri alla Juventus

ULTIME NOTIZIE JUVENTUS NEWS – Sta facendo discutere l’esonero di Maurizio Sarri alla Juventus. Ecco il pensiero, e la spiegazione, di Arrigo Sacchi

di Giacomo Giuffrida, @GG_Giuffrida
Maurizio Sarri Arrigo Sacchi

ULTIME NOTIZIE JUVENTUS NEWS – Sta facendo discutere l’esonero di Maurizio Sarri alla Juventus, al suo posto è stato peraltro scelto l’inesperto Andrea Pirlo. Ma ecco il pensiero, e la spiegazione, di Arrigo Sacchi – dalle colonne de La Gazzetta dello Sport – circa il fallimento del progetto Sarri alla Juve:

“Sarri aveva accettato una ‘mission impossible’. Sperava nella pazienza e collaborazione del club, ma i dirigenti juventini come sempre hanno creduto in valori diversi. Il motto della casa è: conta soltanto vincere. Così si trascurano fattori come il merito, la bellezza, le emozioni, lo spettacolo, l’armonia, la cultura e l’evoluzione”.

Prosegue la spiegazione di Sacchi: “Maurizio Sarri ha ereditato un team saturo e logorato da otto scudetti di fila e con l’età sempre più avanzata. Un gruppo con molti individualisti poco disposti a correre e lottare per i compagni. È stato utopistico pensare che Sarri potesse dare armonia e amalgama a una squadra anziana, poco abituata a essere un collettivo di 11 giocatori che praticano sia la fase difensiva sia quella offensiva, polivalenti, uniti da un feeling invisibile che fa riferimento al gioco”.

E poi sulla Champions League e su Agnelli: “In Europa si domina generalmente con il collettivo, con un calcio offensivo. Nel campionato italiano si vince generalmente con un calcio difensivo e individualistico. Andrea Agnelli, grande dirigente, con l’assunzione di Sarri aveva dato uno strappo con il passato: ha tentato di avvicinarsi al futuro, purtroppo non ha avuto pazienza”.

MILAN, ECCO LE INTEZIONI DI JOVIC PER IL SUO FUTURO! >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy