Ancelotti: “Razzismo contro Koulibaly, vi racconto quel momento”

NEWS CALCIO – Carlo Ancelotti ha parlato del razzismo in Italia e nel mondo del calcio. L’ex allenatore del Napoli è tornato su un episodio su Koulibaly

di Giacomo Giuffrida, @GG_Giuffrida
Carlo Ancelotti Kalidou Koulibaly

NEWS CALCIO – Le parole di Carlo Ancelotti – rilasciate ai microfoni del The Guardian – sul razzismo in Italia e in generale nel mondo del calcio. L’ex allenatore del Napoli, in particolare, fa riferimento ad un episodio con protagonista il suo ex giocatore Koulibaly, fischiato il 26 dicembre 2018 durante un Inter-Napoli.

“Dissi a Koulibaly che eravamo tutti dalla sua parte e che avremmo combattuto con lui perché non era giusto avere quei problemi. Gli promisi che avremmo cercato di cambiare le cose. Ha un carattere forte, ma era arrabbiato e triste. Non era una novità per lui, il che lo induceva ad essere ancor più giù di morale. Ora siamo al 2020, episodi razzisti non ne possono più accadere”.

“Chiedemmo per tre volte di sospendere la partita. Ne parlammo con il quarto uomo, ma non fummo ascoltati. All’epoca il protocollo non era chiaro come adesso. Ma poi la stampa ha spinto su questo tema e le cose sono cambiati. Non è successo mai più, Koulibaly non ha ricevuto quell’abuso. Se sfidi le persone e le induci a pensare, le cose possono cambiare”.

Ancelotti poi parla di se stesso: “In questa situazione ho avuto più tempo per concentrarmi su me stesso. Ho problemi alle ginocchia, quindi ho cercato di migliorarlo, andando molto in bici. Mi sento bene fisicamente e [mentalmente] sto meglio, di sicuro. Questo periodo è stato pazzesco ma ti aiuta a pensare, vedi cosa conta. Ho quattro nipoti che hanno trascorso ogni giorno con i loro genitori, una relazione diversa. Mia moglie ed io siamo stati insieme tutto il tempo. In questo senso è stato buono. Ho avuto il tempo di pensare”.

“Ho visto molti documentari. Mi piace la storia e ho guardato molto: della guerra civile spagnola, di Cuba, della rivoluzione russa, del fascismo in Italia. Ho cercato di capire, conoscere il secolo scorso. Quello che siamo oggi è quello che è successo in passato, anche se guardando quei documentari c’è una semplice [conclusione]: quanto siamo fortunati a vivere dove facciamo e nell’era che facciamo. C’è libertà ma rendiamo la vita più complicata, non pensiamo a chi ci circonda. Sono cattolico e uno degli insegnamenti chiave è trattare gli altri come faresti con te stesso. Ma noi pensiamo solo a noi”.

Un giocatore che avrebbe voluto allenare… La risposta di Carlo Ancelotti: “Messi, anche solo per confrontarlo con Cristiano Ronaldo. Poi in Italia, Totti. Ho iniziato a Roma e ho molto affetto per loro ed era un idolo lì. Mi sarebbe piaciuto allenarlo”.

Sul figlio Davide Ancelotti: “Ha sempre amato il calcio; ne abbiamo parlato all’infinito a casa, anche se non si ricorda di me come giocatore. Quella passione è sempre stata lì, ma non ha raggiunto il livello che voleva da giocatore, quindi ha deciso abbastanza presto di andare in un’altra direzione. Ha studiato scienze dello sport, ha frequentato un corso in Germania e ha iniziato come assistente”.

Ancora su calcio, coronavirus ed Everton: “Il nostro futuro è chiaramente delineato. La pandemia ha creato tutti i tipi di problemi per il gioco, ma ciò non cambierà i nostri piani per il futuro. La nostra decisione [di prendere le riduzioni di stipendio] è stata una cosa che abbiamo ritenuto giusto fare: se puoi fare qualcosa per aiutare coloro che vivono al tuo fianco, dovresti. Lo abbiamo fatto, siamo felici e continuiamo: questo non ha alcun impatto sul nostro sviluppo. L’idea è ancora di migliorare la squadra. Non abbiamo molto tempo prima della prossima stagione, ma quello che dobbiamo fare per migliorare la squadra continueremo a fare, senza dubbio”.

CALCIOMERCATO MILAN, LE NOVITA’ DELL’ULTIM’ORA >>>

SEGUICI SUI SOCIAL: CLICCA QUI ⇓

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy