Panchina Milan – Pioli fenomenale da subentrato. Poi cala drasticamente

Panchina Milan – Pioli fenomenale da subentrato. Poi cala drasticamente

Stefano Pioli sarà il tecnico del Milan al posto di Marco Giampaolo. Nella sua carriera, l’allenatore emiliano ha fatto bene da subentrato. Vediamo come

di Daniele Triolo, @danieletriolo

ULTIME MILAN – Per sostituire Marco Giampaolo, il Milan ha scelto Stefano Pioli. Tecnico che, nella sua storia, ha sempre avuto un ottimo impatto quando è subentrato in corsa alla guida di una squadra in Serie A, palesando, però, problemi di continuità nel prosieguo delle sue avventure.

Nella stagione 2011-2012, per esempio, Pioli subentra a Pierpaolo Bisoli sulla panchina di un Bologna in difficoltà con un solo punto dopo cinque giornate di campionato. Con Pioli, i felsinei cambiano passo: 31 punti conquistati nel girone di ritorno e nono posto finale per il Bologna, miglior piazzamento degli ultimi dieci anni. L’anno seguente, però, arriva 13° ed in quello dopo, stagione 2013-2014, arriva l’esonero a gennaio visto che i rossoblu stazionano in zona retrocessione (che non riusciranno ad evitare).

Nel 2014-2015, sulla panchina della Lazio, Pioli centra il terzo posto in campionato, quindi la qualificazione in Champions League, e si arrende soltanto ai supplementari in finale di Coppa Italia contro la Juventus. L’annata seguente, però, fallisce l’accesso in Champions perdendo ai preliminari contro il Bayer Leverkusen e, dopo aver vivacchiato a metà classifica, viene sostituito da Simone Inzaghi dopo aver perso, male, un derby contro la Roma.

A novembre 2016 siede sulla panchina dell’Inter, al posto di Frank de Boer. Vola nelle prime 13 gare, conquistando 33 punti su 39. Poi, però, crolla: ad aprile colleziona un solo punto, due nelle ultime sette giornate, e viene esonerato dopo 182 giorni ed un k.o. contro il Genoa. Nel 2017-2018, dopo tanto tempo, inizia un campionato guidando, sin da subito, la Fiorentina: i viola restano in corsa per l’Europa League, passando per la tragedia della scomparsa di Davide Astori, salvo poi cedere alla fine.

L’anno seguente, pur arrivando alle semifinali di Coppa Italia, Pioli non riesce a dare seguito al suo progetto e, dopo dissidi con i Della Valle, si dimette al termine di un periodo molto negativo lasciando la panchina a Vincenzo Montella, che salverà la squadra gigliata, con molte difficoltà, all’ultima giornata. I tifosi del Milan hanno già lanciato, sui social, l’hashtag #PioliOut: ecco tutte le loro reazioni più dure contro l’allenatore emiliano!

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy