Serie A – Milan, disastro Giampaolo: media-punti inferiore di Brocchi

Serie A – Milan, disastro Giampaolo: media-punti inferiore di Brocchi

Marco Giampaolo conclude la sua fallimentare esperienza da allenatore del Milan con una media-punti più bassa di quella di Cristian Brocchi: i dati

di Daniele Triolo, @danieletriolo

ULTIME MILAN – Si conclude, dopo sette giornate di campionato, nelle quali ha totalizzato ben quattro sconfitte, l’avventura di Marco Giampaolo come tecnico del Milan.

La redazione di ‘TuttoMercatoWeb‘ ha calcolato, numeri alla mano che, nel Milan dell’era post-Massimiliano Allegri, l’allenatore abruzzese si colloca all’ultimo posto per media-punti ottenuta alla guida della Prima Squadra rossonera.

Appena 1,29 a partita i punti conquistati da Giampaolo, considerando soltanto le gare di Serie A, peggio addirittura di Cristian Brocchi, l’unico con un “campione di gare” così risicato come quello dell’ex tecnico della Sampdoria.

Clarence Seedorf è l’allenatore con la media-punti più alta nel dopo-Allegri. Ecco la ‘classifica’ completa, con media-punti annessa, degli allenatori del Diavolo negli ultimi anni.

Massimiliano Allegri – 190 partite: 142 V, 28 P, 20 S – Media punti: 2,39;
Clarence Seedorf – 19 partite: 11 V, 2 P, 6 S – Media punti: 1,84;
Filippo Inzaghi – 38 partite: 13 V, 13 P, 12 S – Media punti: 1,37;
Sinisa Mihajlovic – 32 partite: 13 V, 10 P, 9 S – Media punti: 1,53;
Cristian Brocchi – 6 partite: 2 V, 2 P, 2 S – Media punti: 1,33;
Vincenzo Montella – 52 partite: 24 V, 11 P, 17 S – Media punti: 1,6;
Gennaro Gattuso – 61 partite: 30 V, 19 P, 12 S – Media punti: 1,79;
Marco Giampaolo – 7 partite: 3 V, 0 P, 4 S – Media punti: 1,29.

Piuttosto fredda, intanto, l’accoglienza dei tifosi del Milan al nuovo tecnico rossonero, Stefano Pioli: per le reazioni social dei sostenitori milanisti, al grido di #PioliOut, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy