Tuttosport – Donnarumma-PSG, Leonardo in pressing sul Milan

Tuttosport – Donnarumma-PSG, Leonardo in pressing sul Milan

L’operazione tra Milan e PSG per il trasferimento di Gianluigi ‘Gigio’ Donnarumma è complicata dall’ingaggio (7 milioni) di Alphonse Areola. E Gigio …

di Daniele Triolo, @danieletriolo

CALCIOMERCATO MILAN – Come riportato da ‘Tuttosport‘ oggi in edicola, Leonardo, direttore sportivo del PSG, è in pressing sul Milan per acquistare Gianluigi ‘Gigio’ Donnarumma, classe 1999, portiere titolare del Diavolo da quattro stagioni. Come prevedibile, il brasiliano sa quali sono le condizioni economiche dei rossoneri e sta provando a prenderli al collo avanzando una prima proposta per portare Donnarumma in Francia.

Sul piatto, il cartellino di Alphonse Areola, classe 1993, titolare della porta del PSG nelle ultime due stagioni, ed un conguaglio di 20 milioni di euro, per una valutazione, complessiva, del cartellino di Donnarumma fissato a 50. Una cifra che, ad oggi, non soddisfa il Milan, il quale vuole una parte più cospicua in contanti. La trattativa dovrebbe andare avanti anche nelle prossime settimane. A quanto pare, infatti, non vi sono vincoli imminenti per chiuderla.

Decade così, ha evidenziato il quotidiano torinese, il termine del 30 giugno, entro cui il Milan avrebbe dovuto preferibilmente effettuare qualche cessione di livello per generare plusvalenza e diminuire il passivo di bilancio con il quale chiuderà anche l’anno 2019. Il discorso dello scambio, poi, si è arricchito dei molteplici dubbi manifestati da Areola: in primis, l’estremo difensore transalpino non è stato avvisato da Leonardo di essere stato inserito nella trattativa per Donnarumma.

In più, il giocatore ha un ingaggio molto pesante (7 milioni di euro netti l’anno) che, di fatto, andrebbe a cozzare con l’idea del Milan di abbassare il monte stipendi in ottica Fair Play Finanziario (FFP) UEFA. Inoltre, Areola avrebbe remore ad andare in una squadra che non disputerà la Champions League, manifestando, oltretutto, una predilezione per la cessione in Premier League, qualora fosse messo in condizione di salutare Parigi e la Francia.

Areola ha ricevuto rassicurazioni che, nel 2019-2020, giocherà titolare. Ma qualora dovesse andare al Milan, come si metterebbero le cose con Pepe Reina? L’anno scorso Reina ha accettato di fare il vice di Donnarumma, ma con il francese come competitor avrebbe la legittima ambizione di considerarsi il primo portiere dei rossoneri. Vedremo cosa succederà, anche perché Donnarumma ha un contratto in scadenza il 30 giugno 2021 e, qualora non rinnovasse, il potere di contrattazione del Milan potrebbe scendere nei prossimi mesi

Il fatto che Donnarumma possa essere ceduto dopo il 1° luglio, ha concluso ‘Tuttosport‘, va anche visto in ottica FFP. Qualora, infatti, il Milan dovesse essere escluso dall’Europa League, inizierebbe un percorso di monitoraggio dei conti a partire dall’anno fiscale 2019-2020, ed una maxi-plusvalenza, con conseguente abbattimento del monte-ingaggi, sarebbe un bel segnale per la UEFA. Anche per iniziare a mettere fieno in cascina per il prossimo esercizio di bilancio.

Qualora, invece, Donnarumma restasse, bisognerà al più presto mettersi al tavolo con il suo agente, Mino Raiola, per estendere il suo contratto, con un inevitabile ritocco dell’ingaggio da 6 milioni netti verso l’alto. Per il momento, però, questo è uno scenario ipotetico. Il Milan, intanto, è vicino al colpo Theo Hernández: per i dettagli, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy