27attaccante
Daniel Maldini, attaccante AC Milan e ultimo della dinastia Maldini dopo Paolo e Cesare. Scheda giocatore e news (Getty Images)

Daniel Maldini

  • Nazionalità:italiana
  • Età:19 (11 ottobre 2001)
  • Altezza:1.81 m
  • Peso:70kg
  • Piede:destro
  • Valore di mercato:0.8 mln

Daniel Maldini, la dinastia continua. Dopo Cesare e Paolo, ecco il nipote d'arte. Tutto sul giocatore dell'AC Milan: chi è, caratteristiche, età, costo, stipendio, biografia e vita privata. Ecco la scheda del giocatore rossonero

SCHEDA

Nome: Daniel Maldini

Luogo e data di nascita: Milano, 11 ottobre 2001

Al Milan in prima squadra dal: 2019

Contratto fino al: 30/06/2014

Stipendio: 0.3 milioni netti

 

BIOGRAFIA E..FAMIGLIA

Rappresenta la terza generazione di una grande dinastia di calciatori del Milan, a cominciare dal capostipite Cesare, triestino di nascita, che una volta appese le scarpette al chiodo fu anche tecnico della Nazionale azzurra ai Mondiali di Francia 1998, per poi proseguire col papà di Daniel, Paolo, il quale non ha certo bisogno di presentazioni ed è attualmente direttore dello sviluppo strategico dell'area sport rossonera. Ha il doppio passaporto italiano e venezuelano (la mamma è Adriana Fossa, ex modella nativa del paese sudamericano). E' cresciuto nelle giovanili del Milan fin dalla più tenera età, così come suo fratello maggiore Christian che sta costruendo la sua carriera 'dal basso' tramite una gavetta che l'ha portato a giocare prima a Malta, negli Hamrun Spartans, stagione 2016-2017, poi di nuovo in Italia tra Serie D e C. Già leader della squadra Primavera, Daniel è passato in prima squadra a partire dal 2019. Il 22 marzo ha esordito nella Nazionale Under 18: nell'amichevole persa per 2-0 a Katwijk coi pari età dell'Olanda il ct Daniele Franceschini lo ha fatto entrare nel finale.

 

CARATTERISTICHE TECNICHE

A differenza del nonno e del papà che erano difensori (anche se Paolo ha segnato più di 30 gol nella sua carriera da professionista) lui è un trequartista (indossa la maglia numero 10) che può giocare anche come seconda punta e come esterno offensivo ed è capace di segnare in tutte le maniere: col destro, col sinistro, su punizione, di testa. Le movenze eleganti sul campo ricordano da vicino quelle di papà Paolo.

IPSE DIXIT

"Per me è un onore indossare la maglia della Nazionale, sono felice di essere qui. Spero un giorno di arrivare in nazionale maggiore, come hanno fatto mio padre e mio nonno. Papà mi ha insegnato molto, mi ha aiutato tanto dandomi sempre consigli. Soprattutto, mi ha sempre detto di restare sempre umile e con i piedi per terra. Il mio ruolo? Sono un centrocampista offensivo/attaccante, una mezza punta che pensa a fare gol. I miei punti di forza? Giocare con pochi tocchi, vedere il gioco prima degli altri. E i calci da fermo". (Dichiarazioni dopo la convocazione nell'Italia Under 18).

 

DICONO DI LUI

Filippo Galli, ex responsabile delle Giovanili del Milan: "Ha avuto un percorso lineare come tutti i talenti. Il ragazzo dal punto di vista del comportamento è sempre stato irreprensibile, dal punto di vista della costanza di applicazione si prendeva qualche pausa ma fa parte del percorso di crescita. Le qualità sono indiscusse e stanno emergendo, si tratta di un giocatore che vede calcio come pochi. Se mi sorprende la convocazione in Nazionale? No, mi stupisce che non fosse già entrato in piante stabile nel giro delle rappresentative giovanili alla luce delle sue qualità e del suo percorso. Si tratta di un giocatore di prospettiva; prematuro stabilire dove possa arrivare, ma la strada che ha imboccato è senz’altro quella giusta. Quello che mi colpisce di lui è la capacità di trovare la giocata che ti sorprende".

Mario Beretta, prima di diventare responsabile del settore giovanile del Milan: "L'ho incontrato solo da avversario, un giocatore davvero interessante. Sono curioso di vederlo nella mia squadra. Se ha anche solo la metà del talento del padre, il massimo difensore della storia italiana, sarà un gran campione".

Paolo Maldini, il papà: "Daniel è il primo fantasista della dinastia Maldini, è l’unico con quelle attitudini, da trequartista, da goleador. E’ un po’ ambidestro anche lui come me. Nel carattere suo rivedo alcune cose mie e poi nei movimenti c’è genetica perché come la gente rivede me nei miei due figli, la gente rivedeva mio padre in me ai miei esordi…”.

 

CURIOSITA' E RECORD

Durante la festa a San Siro coi tifosi per la conquista della Champions League del 2007 da parte del Milan il piccolo Daniel, 5 anni e mezzo, era una delle mascotte. In quell'occasione viene immortalata in un video una sua perfetta entrata in tackle su Clarence Seedorf che aveva il pallone tra i piedi e che per un attimo se lo vede sfuggire...

Dopo aver assaggiato la Prima Squadra con Rino Gattuso, Stefano Pioli lo lancia in partite ufficiali. Fa il suo esordio in Serie A: il 2 febbraio 2020, in Milan-Hellas Verona a San Siro.

Il 25 settembre 2021 gioca da titolare e segna il suo primo gol in Serie A in Spezia-Milan (1-2). Daniel Maldini sblocca il risultato siglando l'1-0, poi - dopo il pari avversario - decide Brahim Diaz nel finale di gara.

Il 6 gennaio 2021 scrive un altro capitolo della leggendaria dinastia Maldini: la sua sesta partita con il Milan è la numero 1000 della sua famiglia in rossonero, contando le 347 presenze di nonno Cesare e le 647 di papà Paolo.

STATISTICHE 

2017-2018

Campionato Italiano Under 17 - B: 24 presenze 9 gol

Campionato Italiano Under 17 - Fase finale: 4 presenze 4 gol

 

2018-2019

Campionato Italiano Primavera 1: 19 presenze 7 gol

Coppa Italia Primavera: 1 presenza

Torneo di Viareggio: 2 presenze 2 gol

 

2019-2020

Serie A: 2 presenze

Campionato Primavera 2: 11 partite, 7 gol, 3 assist

Coppa Italia Primavera: 3 presenze, 2 gol, 1 assist

 

2020-21

Serie A: 5 presenze

Campionato Primavera: 1 presenza

Europa League: 2 partite

Qualificazioni Europa League: 2 gare

 

*A fondo pagina le statistiche di quest'anno

 

PALMARES

1 Campionato Italiano Under 16: 2016-2017