Bianchessi: “Calabria e Cutrone presi per poco più di 1000 euro, su Gigio…”

L’ex responsabile dello scouting del Milan, Mauro Bianchessi, ora alla Lazio, ha così parlato a Premium Sport dei tanti talenti scoperti in rossonero

di Donato Bulfon, @DonatoBulfon

Tani anni passati a scoprire talenti al Milan, con molti dei suoi ragazzi che oggi sono titolari o quasi nelle proprie squadre. Mauro Bianchessi, un lungo passato da responsabile dell’attività di base e dello scouting Under 14 per i rossoneri e ora dirigente della Lazio, ha così raccontato particolari importanti del suo lavoro, tra passato e presente.

Similitudini tra la Lazio ed il suo Milan: “Con i biancocelesti il progetto parte dagli otto anni con l’obiettivo finale di portarli in prima squadra. Ed in questo ci sono molte cose in comune con il lavoro che facevo in rossonero, come anche ad esempio una proprietà salda ed italiana alle spalle. A Milano avevo Berlusconi e Galliani, che è stato e sarà sempre un fenomeno a livello manageriale. Oggi con Lotito e tutta la sua dirigenza con idee chiare”.

Tante scoperte come Donnarumma, Locatelli, Calabria, Cutrone, Gagliardini, Conti, Cristante e tanti altri: “Sono davvero tanti, gli anni sono passati ma la strategia è attuale. Si fanno scelte su ragazzi giovanissimi, cresciuti poi in un ambiente totale e che li accompagni nella crescita. Faccio i complimenti a tutti questi ragazzi che avete nominato, alcuni li conosco veramente fin da piccoli, come ad esempio Cutrone, che era davvero molto piccolo, circa 8 anni”.

Retroscena Donnarumma: “Quando lo abbiamo preso abbiamo fatto tutto in poco tempo. L’abbiamo visto giocare su un campetto e ho chiamato subito Galliani, erano le 20. Alle 9 del mattino eravamo già tornati indietro e poche ore dopo tutta la famiglia di Gigio era in sede e abbiamo chiuso. Il giorno dopo avrebbe dovuto firmare con l’Inter. La sua gestione di oggi? Non mi compete, posso dire che Gigio ha scelto il Milan da piccolo e l’ha voluto da sempre. Anche sedicenne ha più volte rifiutato club inglesi ma io mi fermo qua perché è entrata un’altra società”,  Cosa gli direi? Di seguire il suo cuore come ha sempre fatto. Poi il calcio è questo e lui è ancora giovane”.

Su Cutrone, Calabria e Locatelli: “Devo ringraziare un osservatore che è stato eccezionale in tutta la vicenda di Patrick. Era andato all’Inter ma i nerazzurri non gli avevano più dato risposte, così abbiamo agito noi e abbiamo voluto visionarlo. Dopo dieci minuti ho subito fermato il padre per dirgli che lo volevamo e ci siamo stretti la mano. Quella parola data non l’ha mai mancata o cambiata. Queste famiglie sono la forza dei ragazzi. Abbiamo speso 1500 euro per lui, oggi diciamo che vale un po’ di più. Come lo zero pagato su Locatelli o i 1200 per Calabria. Ma è il nostro lavoro”.

 

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Calabria in crescita: il Milan ha un’arma in più

Calabria sorride: posto da titolare e nessun cartellino

PM – Calabria: “Ho sempre dato tutto per il Milan”

Milan, Gattuso li rigenera tutti: ma la missione è appena iniziata

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy