Milan-Bologna, Pioli: “Qualità e forza. Dobbiamo essere ambiziosi”

MILAN-BOLOGNA ULTIME NEWS – Stefano Pioli, tecnico rossonero, ha presentato in conferenza stampa i temi principali di Milan-Bologna di stasera a San Siro

di Daniele Triolo, @danieletriolo
Stefano Pioli Milan

MILAN-BOLOGNA ULTIME NEWS – ‘Tuttosport‘ e il ‘Corriere dello Sport‘ oggi in edicola hanno dato ampio spazio alle dichiarazioni di Stefano Pioli, tecnico rossonero, rilasciate ieri a Milanello durante la conferenza stampa di presentazione di Milan-Bologna.

I rossoneri faranno dunque il loro esordio nella Serie A 2020-2021 stasera, a San Siro, ospitando la formazione di Siniša Mihajlović, battuta 5-1 lo scorso 18 luglio nella fase finale del precedente campionato. Il Milan, per l’occasione, recupera l’attaccante croato Ante Rebić, che sarà titolare, alto a sinistra, nel 4-2-3-1.

“È un giocatore importantissimo per noi – ha detto Pioli in conferenza su Rebić -. Ha qualità, forza fisica, profondità. Completa il nostro reparto offensivo. Ha patito il fatto di non aver potuto giocare in Europa: è pronto e preparato per dare supporto alla squadra”. Rientro importante, per il Milan, anche perché, finora, la squadra rossonera ha segnato meno di quanto prodotto.

“La cosa più importante è creare sempre più occasioni da gol – ha detto Pioli alla vigilia di Milan-Bologna -. Più alziamo la capacità di realizzazione, più opportunità abbiamo di vincere”. Ma dove può arrivare, in questa stagione, il Milan del tecnico emiliano? L’obiettivo della società, come noto, è la qualificazione in Champions League

“Avere delle pressioni è un privilegio – ha commentato a tal proposito Pioli -, vuol dire che hai raggiunto certi livelli. Il nostro obiettivo è migliorare la nostra stagione, ma non dobbiamo pensare alle griglie. Dobbiamo essere ambiziosi, siamo il Milan, dobbiamo continuare a crescere. Siamo una squadra molto giovane con ampi margini di miglioramento”.

“Poi – ha incalzato l’allenatore emiliano -, se mi chiedete se possiamo vincere lo Scudetto, vi dico che non lo so, che è difficile rispondere adesso a queste domande. Dobbiamo continuare a crescere e dimostrare di essere una squadra forte. I pronostici sono fatti spesso per essere smentiti. Il Milan negli ultimi due campionati ha perso la prima e dobbiamo puntare a vincere”.

“Nelle prime partite sono sempre combattuto – ha proseguito Pioli -, ho la consapevolezza di aver preparato bene la squadra, ma le partite sono imprevedibili. Nella gara in Irlanda c’erano delle insidie, venivamo da una sosta ed alcune buone amichevoli. Non ho dubbi sulla squadra che alleno: il nostro percorso è iniziato dallo scorso ottobre, abbiamo una nostra identità, un modulo che piace ai giocatori ma le certezze vanno riproposte. Dobbiamo essere convinti delle nostre qualità con grande rispetto degli avversari”.

A proposito del Bologna, Pioli ha spiegato: “Sarà tutt’altra partita rispetto allo scorso campionato: loro avranno il massimo delle motivazioni, ma anche noi ce l’abbiamo. Il Bologna ha cambiato qualcosa nella fase di costruzione, ma hanno mantenuto quell’aggressività che può metterti in difficoltà. Hanno ottime qualità, vanno affrontati con lucidità puntando anche sulle nostre convinzioni”.

Alla vigilia di Milan-Bologna, Pioli si è speso anche in parole di elogio per Hakan Çalhanoglu. “È un giocatore che sa stare molto bene in campo, la sua collaborazione con Zlatan Ibrahimović in campo è importante. Sanno attaccare le linee e la profondità. È un elemento che ha tanta qualità e tanta generosità. Ha tutto per fare bene e continuare ad essere un punto di riferimento”. Discorso che, invece, non può essere fatto per Lucas Paquetá.

“Ha qualche difficoltà per le posizioni che prendiamo in campo, è un giocatore con caratteristiche particolari. Vedremo cosa dirà il mercato”. Paquetá, in sostanza, è stato venduto ‘indirettamente’ dal tecnico. Il quale, invece, ha dimostrato di contare sin da subito su Sandro Tonali e Brahim Díaz. “Li vedo già bene inseriti, sanno cosa fare nel nostro sistema di gioco. Mi auguro di poter dare loro il prima possibile più minutaggio. Giocheremo tante partite”.

DALLA SPAGNA: LUKA JOVIĆ PIÙ LONTANO DAL MILAN. ECCO DOVE PUÒ ANDARE >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy