Milan, ‘prima’ in gruppo di Higuaín: il suo arrivo ha galvanizzato l’ambiente

Milan, ‘prima’ in gruppo di Higuaín: il suo arrivo ha galvanizzato l’ambiente

Gonzalo Higuaín si è allenato ieri, per la prima volta, con il gruppo rossonero al gran completo ed agli ordini del tecnico Gennaro Gattuso

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Ieri, al ‘Milanello Sports Center‘ di Carnago (VA), è andato in scena, nel tardo pomeriggio, il primo allenamento del Milan con il gruppo al gran completo dopo il ritorno della maggior parte della squadra dagli Stati Uniti d’America, dove i rossoneri hanno disputato l’International Champions Cup.

Primo contatto con il gruppo, dunque, anche per gli ultimi due nuovi acquisti del club di Via Aldo Rossi, il 24enne difensore centrale Mattia Caldara ed il 30enne attaccante argentino, Gonzalo Higuaín: entrambi, dopo qualche giorno di allenamento a Milanello, si sono dunque allenati per la prima volta alle dipendenze dirette del tecnico Gennaro Gattuso.

Caldara e Higuaín avranno una settimana, circa, per entrare nei meccanismi tattici di Gattuso ma, secondo ‘La Gazzetta dello Sport’ oggi in edicola, non dovrebbero avere grandi problemi, anche perché la loro condizione atletica è stata giudicata soddisfacente dallo staff medico. I due giocatori sono stati anche scelti, insieme a Gattuso, per rappresentare il Milan nella campagna abbonamenti, da ieri in vendita libera.

L’obiettivo del club rossonero è quello di avvicinare il risultato della scorsa estate, visto il ritrovato entusiasmo dopo le incertezze di luglio. Il colpo Higuaín, però, ha sottolineato la ‘rosea’, ha galvanizzato l’ambiente e la promessa di ritoccare ulteriormente la rosa potranno fare il resto, Fair Play Finanziario della UEFA permettendo. Intanto, ieri, Leonardo e Paolo Maldini hanno tenuto un discorso alla squadra: leggi qui per conoscerne i retroscena!

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy