Pagelle Inter-Milan, i voti del CorSport: Tomori solido

Le pagelle di Inter-Milan, derby dei quarti di finale di Coppa Italia, vinto dai nerazzurri nel recupero. I giudizi sui rossoneri sul ‘Corriere dello Sport’

di Daniele Triolo, @danieletriolo
Pagelle, Rassegna Stampa - I voti di Corriere dello Sport (Grafica)

Inter-Milan 2-1: le pagelle dei rossoneri secondo il ‘Corriere dello Sport’

 

Inter-Milan, derby dei quarti di finale di Coppa Italia, vinto dai nerazzurri in rimonta e nel recupero. Beffa per i rossoneri, che hanno giocato in dieci da inizio ripresa. Vediamo voti e giudizi dei calciatori rossoneri secondo il ‘Corriere dello Sport‘ oggi in edicola.

Pagelle Inter-Milan, il migliore in campo

 

Ciprian Tătărușanu, voto 7,5: “Se non fosse per la sconfitta, di cui non ha colpa alcuna, questa sarebbe la sua notte. Il portiere di coppa ha portato il Milan ai quarti con il rigore parato a Tomás Rincón, ma stavolta le prodezze sono a ripetizione. Nel primo tempo d’istinto (di piede) su Romelu Lukaku, nella ripresa da fenomeno su mezza girata di Alexis Sánchez, su Lautaro Martínez ed infine ancora su Lukaku. Bravo anche nelle uscite. Lo piegano solo un rigore la magistrale punizione di Christian Eriksen”.

Pagelle Inter-Milan, il giudizio sul mister

 

Stefano Pioli, voto 5,5: “Anche nel primo tempo, in parità numerica, soffre non poco le iniziative dell’Inter. Nella ripresa la sua squadra è sempre in difficoltà. Ora le tante, troppe assenze cominciano a pesare”.

Pagelle Inter-Milan, buon debutto di Tomori

 

Fikayo Tomori, voto 6,5: “È appena arrivato, Pioli lo porta in panchina perché cominci a capire la nuova squadra. Ma deve farlo giocando, perché entra molto presto al posto di Simon Kjær. Va su Sánchez, lo segue fino a metà campo usando la sua dote migliore, l’aggressività. A volte in dosi eccessive. Nell’assedio della ripresa è uno dei più solidi”.

Pagelle Inter-Milan, le sufficienze in casa rossonera

 

Voto 6, quindi, per lo stesso stesso Simon Kjær (“Un altro infortunio, un’altra sostituzione”), capitan Alessio Romagnoli (“Marca Lukaku e ne soffre la fisicità”), Theo Hernández (“Parte a mille: nell’ultima mezzora non attacca più”), Soualiho Meïte (“Ha bisogno di tempo per entrare in piena sintonia con la sua nuova squadra”) e Franck Kessié (“Aiuta il Milan ad organizzarsi”).

Pagelle Inter-Milan, le note dolenti

 

Voto 5,5, dunque, per Diogo Dalot e Rafael Leão, mentre prendono 5 in pagella Alexis Saelemaekers, Ante Rebić e Zlatan Ibrahimović: “È di Ibra il gol. Non è da Ibra il doppio giallo: né il primo né il secondo. Il bello e il brutto del Milan è nella partita dello svedese che segna il gol del vantaggio (numero 499 in carriera) con un diagonale micidiale. Nel finale del primo tempo esce dal parapiglia con Lukaku con l’ammonizione. Dopo 13′ della ripresa, fa un fallo inutile su Aleksandr Kolarov a metà campo e prende il secondo giallo. Per uno con la sua esperienza, è un errore grave. La sua ultima espulsione risaliva a 5 anni fa, quando giocava con il PSG”.

Pagelle Inter-Milan, il peggiore in campo

 

Brahim Díaz, voto 5: “Sta intorno a Marcelo Brozović, ma non lo frena. E quanto a produzione offensiva, è assai modesta”. Calciomercato Milan: affare ‘last minute’, Maldini lotta con il Napoli. Vai alla news >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy