Milan, problema mercato: Tomori convince, ma gli altri? | News

Al Milan, Soualiho Meite e Mario Mandzukic non stanno rendendo come ci si aspettava. Degli ultimi arrivati, solo Fikayo Tomori sta facendo bene

di Enrico Ianuario
Fikayo Tomori AC Milan

Milan in attesa dei miglior Meite e Mandzukic

 

Non è ancora passato un mese pieno, però i tifosi del Milan iniziano a chiedersi quando vedranno le migliori versioni dei nuovi arrivi di gennaio. Principalmente la questione riguarda Soualiho Meite e Mario Mandzukic, ancora poco determinanti per i meccanismi di Stefano Pioli. Discorso a parte per Fikayo Tomori: dei tre, l’ex Chelsea sembra essere quello che meglio si sia inserito nella squadra rossonera. Concentriamoci meglio sul centrocampista e sull’attaccante.

Meite in difficoltà

 

L’ex granata non riesce ad incidere con la maglia del Milan. Seppur acquistato come la quarta scelta di centrocampo, il francese ha già avuto modo di scendere in campo più di quanto si aspettasse. E anche nella partita contro lo Spezia, subentrato a Ismael Bennacer, non è riuscito a dare una mano al gruppo e svoltare la gara.

Anzi, probabilmente è stato uno dei peggiori in campo visto che ha non poche colpe sulla rete del 2-0 finale firmato da Simone Bastoni. Diciamolo chiaramente: quel gol è arrivato in una maniera abbastanza ridicola. E non si vuole sminuire l’operato dello Spezia, autore di una super partita, ma bisogna far notare che non si può lasciare libero un giocatore al limite dell’area e farlo calciare in porta tranquillamente. L’ex Torino accorcia sull’avversario quando il pallone è già entrato in rete.

Ma la gara di sabato sera non è stata l’unica dove Meite si è trovato in difficoltà. Anche contro Atalanta e Inter in Coppa Italia, il classe ’94 ha dimostrato di essere ancora in fase di rodaggio e che sta cercando di capire tutti i meccanismi che Pioli vuole che il centrocampista metta in atto. Il Milan lo aspetta, i tifosi anche: c’è bisogno di tutti per continuare questa stagione importante.

Scalpita Mandzukic

 

Non è ancora il Mandzukic visto in quel di Vinovo, però qualcosa inizia a farsi vedere. Non ha giocato nessuna partita da titolare però è entrato a gara in corso in tutte le partite di campionato. E non ha nemmeno trovato il gol, è vero, ma l’atteggiamento che mostra è quello giusto.

I suoi centimetri, la sua corsa e la sua determinazione sono sicuramente delle caratteristiche importanti che può offrire ad una squadra che vuole lasciare il segno quest’anno. Arriverà la sua occasione, forse già dalla prossima gara contro la Stella Rossa, e allora lì si che bisognerà dare una giusta valutazione all’attaccante croato.

Anche nel suo caso bisogna aspettarlo, si intravedono sprazzi del vero Mandzukic. L’ex bianconero vuole ripagare l’attesa e la fiducia della società.

Bene Tomori

 

Non dimentichiamoci del buon Fikayo, il migliore fra i tre acquisti invernali. Ha giocato a malapena quattro partite – di cui due da subentrato – dimostrando forza fisica, velocità e un’ottima aggressività. Certo, può sempre migliorare alcuni aspetti ma è un difensore giovane e il futuro è dalla sua parte. E se continua a giocare come ha fatto in queste prime apparizioni con la maglia del Milan, i tifosi rossoneri possono dormire sonni tranquilli. In Spagna sicuri: “Donnarumma non rinnova”. Ecco dove andrà >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy