Pianeta Milan
I migliori video scelti dal nostro canale

NEWS MILAN

Milan, Kessié capitano a Firenze: cosa significa la fascia al braccio?

Franck Kessié (centrocampista AC Milan) non dovrebbe rinnovare il suo contratto con i rossoneri | Calciomercato Milan News (Getty Images)

Franck Kessié capitano in occasione di Fiorentina-Milan. Eppure l'ivoriano si vede già fuori dal progetto e lontano dal Diavolo nel 2022-2023

Daniele Triolo

Franck Kessié, centrocampista del Milan, è stato uno dei pochi a salvarsi in occasione della prima sconfitta stagionale del Diavolo, 3-4, in casa della Fiorentina. Lo ha sottolineato 'gazzetta.it', spiegando come sia stato proprio Kessié, il più discusso, ombroso e giudicato perché non è più quello della passata stagione.

Ma anche e soprattutto perché il suo contratto con il Milan scadrà il prossimo 30 giugno 2022. Ed il rinnovo, al momento, è un piccolo puntino all'orizzonte. Contro i viola, però, il capitano del Milan è stato proprio Kessié, viste le contemporanee assenze di Davide Calabria ed Alessio Romagnoli, e non Simon Kjær, come ci si poteva aspettare.

Un segnale da parte del club rossonero? La fascia, ha evidenziato la versione online della 'rosea', non sposta molto in chiave contratto. Anzi, la distanza tra le parti resterebbe "un oceano in tempesta". Il Milan, infatti, non vorrebbe sforare il tetto dei 4 milioni di euro netti a stagione (con Zlatan Ibrahimović unica eccezione). L'entourage dell'ivoriano, invece, per il nuovo contratto, ne vorrebbe 6-7.

A fine luglio, da Tokyo, dov'era impegnato alle Olimpiadi, Kessié aveva lanciato messaggi d'amore al Milan, dichiarando di voler sistemare tutto al suo ritorno, poiché intenzionato a diventare 'Presidente a vita' della squadra rossonera. Sono passati 4 mesi e quella fumata bianca, tanto attesa dai tifosi, non è mai arrivata.

Il fondo Elliott Management Corporation è chiaro: il Milan viene prima di qualsiasi giocatore. Quindi meglio rimettere a posto i conti, piuttosto che rinnovare contratti a cifre esorbitanti. Motivo per cui, senza rimpianti, sono andati via Gianluigi Donnarumma (PSG) e Hakan Çalhanoğlu (Inter). Al momento il destino di Kessié sembra essere quello di emulare i suoi due ex compagni. Magari lasciando la Serie A.

Anche visto il rendimento non certo esaltante. In Fiorentina-Milan Kessié si è salvato. Nel derby, però, aveva commesso una grave ingenuità e regalato un rigore ai nerazzurri. Stefano Pioli lo ha sempre assolto, ricordando come anche grazie a lui il Milan sia tornato in Champions League dopo una lunga assenza. Fino alla sfida del 'Franchi' non aveva mai indossato la fascia di capitano dall'inizio.

Che significa, dunque, quella fascia? Questo si è domandata 'gazzetta.it'. Un messaggio di Pioli alla società? Probabile. Un gesto inevitabile dovuto all'anzianità dei titolari? Sicuro, anche perché è a -3 dalle 200 partite in rossonero. A gennaio, però, partirà per la Coppa d’Africa insieme a Ismaël Bennacer. E non è detto che faccia ritorno a Milanello nel caso in cui il Diavolo riesca a trovare un acquirente prima di perderlo a scadenza. Milan, duello di mercato con la Juve per il nuovo Pogba. Le ultime >>>

tutte le notizie di