Napoli-Milan 1-3: Ibrahimovic, show ed infortunio | Serie A News

NAPOLI-MILAN ULTIME NEWS – Zlatan Ibrahimovic segna due gol in Napoli-Milan, decidendo la partita del ‘San Paolo’. Poi, però, si fa male alla coscia ed esce

di Daniele Triolo, @danieletriolo
Zlatan Ibrahimovic AC Milan

Napoli-Milan 1-3: decide il match un super Ibrahimovic

 

NAPOLI-MILAN ULTIME NEWS – ‘La Gazzetta dello Sport‘ in edicola questa mattina ha sintetizzato la gara andata in scena al ‘San Paolo‘, Napoli-Milan 1-3, con una frase. “Zlatan Ibrahimovic lo ha rifatto. Ha preso l’amico Gennaro Gattuso, lo ha ribaltato e lo ha messo in un cestino”. Questo sketch, andato in scena a Milanello una decina d’anni fa tra compagni di squadra, si è ripetuto ieri sera. Con i due, però, Ibra e Gattuso, rivali sul campo e con ruoli diversi.

Il senso, però, non cambia. Ibrahimovic è stato l’autentico mattatore di Napoli-Milan. L’attaccante svedese ha segnato due gol, deciso, di fatto, la vittoria del Diavolo in casa dei campani (non accadeva da 10 anni, quando Zlatan e Rino giocavano insieme in un Milan che avrebbe poi vinto lo Scudetto) e portato il Milan, sempre in vetta alla classifica di Serie A, a +4 sulla Juventus di Cristiano Ronaldo. Ibrahimovic ha segnato già 10 gol in 8 gare di campionato, delle quali lui ne ha giocate solo 6.

Nell’era dei 3 punti a vittoria nel massimo campionato, c’erano riusciti soltanto Christian Vieri, Gabriel Batistuta e l’ex rossonero Krzysztof Piatek. Bastano questi numeri, dunque, ha commentato la ‘rosea‘, per intuire la preoccupazione del Milan per l’infortunio muscolare (problema al flessore della coscia sinistra) che ha costretto Ibrahimovic ad uscire anzitempo del campo del ‘San Paolo‘. Ma sarebbe sbagliato ridurre la forza del Milan al solo, pur entusiasmante Ibrahimovic.

Napoli-Milan, infatti, oltre che da Ibrahimovic, è stata sigillata dal primo gol in Serie A di Jens Petter Hauge: segno, questo, di una perfetta fusione tra giocatori esperti e giovani rampanti. Ventesimo risultato utile consecutivo per i rossoneri in campionato, dove non perdono dall’8 marzo 2020, a ‘San Siro‘, in occasione di Milan-Genoa 1-2, prima del lockdown. Ibra ha sbloccato il risultato al 20′, di testa, su cross calibrato, dalla sinistra, di Theo Hernández. Poi ha raddoppiato al 54′, di ginocchio, sul suggerimento di Ante Rebić.

Il Napoli ha provato a reagire, con la traversa di Giovanni Di Lorenzo, un’occasione di Dries Mertens sventata da Gigio Donnarumma ed il gol dello stesso attaccante belga che sembrava aver riaperto la contesa. L’espulsione dell’ex rossonero Tiémoué Bakayoko, poi, ha tagliato le gambe alla truppa di Gattuso. Nel finale, l’ha chiusa come detto Hauge. Il Napoli è arrivato alla terza sconfitta di fila in casa (non accadeva dal 2012). Il Milan vince e può sognare. Con Ibrahimovic è tutto lecito.

IL MILAN VOLA, ELLIOTT AIUTA: NUOVO BUDGET A DISPOSIZIONE >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy