Milan inquieto: sei stato troppo brutto per essere vero | News

Milan battuto, male, a La Spezia: sotto osservazione i carichi di lavoro della prima settimana senza gare infrasettimanali e l’atteggiamento psicologico

di Daniele Triolo, @danieletriolo
Stefano Pioli AC Milan Spezia-Milan

Milan orrido al ‘Picco’: quale potrebbe essere la causa?

 

Il Milan sceso in campo a La Spezia è stato un Milan troppo brutto per essere vero. Lo ha evidenziato il quotidiano ‘Tuttosport‘ oggi in edicola. Mai, infatti, nel corso dell’ultimo anno, la squadra di Stefano Pioli si era mostrata così vuota di contenuti e idee sotto ogni aspetto.

Dal 25 agosto 2019, giorno di Udinese-Milan 1-0, il Diavolo non concludeva una partita senza tiri in porta all’attivo. Così come è stato al ‘Picco‘ sabato sera. Paolo Maldini, Frederic Massara e Pioli, dunque, hanno analizzato la partita, toccando varie aree, nel tentativo di capire i motivi della pessima prestazione dell’ultima gara.

Il Milan è apparso stanco fisicamente, pesante. Come se i carichi di lavoro svolti a Milanello nella prima settimana di allenamento senza il doppio impegno avessero creato dell’acido lattico non smaltito dai calciatori rossoneri. Tutti, da Gigio Donnarumma a Zlatan Ibrahimović, effettivamente, sono sembrati ‘inchiodati’ al terreno di gioco.

Più di qualcosa è andato dunque storto e, pertanto, dovrà essere corretto nelle prossime sedute. Il tour de force che attende il Diavolo tra Europa League (le due sfide contro la Stella Rossa) e Serie A (le gare contro Inter e Roma) non consentono ulteriori passaggi a vuoto di tale portata.

Poi, c’è da considerare l’atteggiamento psicologico sbagliato avuto a La Spezia. Il capitano Alessio Romagnoli ha ammesso come il Milan, forse anche involontariamente, abbia sottovalutato la gara e, pertanto, sia stato punito giustamente. Il Milan sta tornando grande, ma ancora non lo è. Dunque non può permettersi di approcciare male contro nessuno.

Lo Spezia, pressando le fonti di gioco rossonere (Ismaël Bennacer e Hakan Çalhanoğlu), ha di fatto annullato qualsiasi possibilità al Diavolo che, inconcludente, è stato incapace di reggere a livello fisico il ritmo forsennato degli avversari. Se, poi, con l’algerino e il turco fuori partita, si aggiungono anche gli esterni Alexis Saelemaekers e Rafael Leão in serata negativa, la frittata non poteva che essere fatta.

Se nelle brutte sconfitte contro Juventus (1-3) e Atalanta (0-3) c’era comunque stato qualche segnale di vita, a La Spezia l’elettrocardiogramma del Milan è sembrato essere piatto. Ed il processo di risveglio, dunque, bisogna avviarlo subito. Il prima possibile, già da giovedì. Milan e Siviglia combattono per un forte attaccante. Vai alla news >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy