L’opinione – “Donnarumma l’erede Buffon? Ci vorranno anni per saperlo”

L’opinione – “Donnarumma l’erede Buffon? Ci vorranno anni per saperlo”

Gianni Mura difende Donnarumma affermando che i giornali sono spesso troppo affrettati quando si tratta di fare giudizi sia in positivo sia in negativo

di matteotesta

Gianluigi Donnarumma nonostante la giovanissima età è stato da molti designato come l’erede naturale di Gianluigi Buffon. Le due papere clamorose contro la Juventus nella finale di Coppa Italia hanno modificato in negativo i giudizi nei confronti del portiere rossonero e Gianni Mura ha voluto sottolineare in un articolo sull’edizione oggi in edicola di ‘Repubblica’ come spesso i media siano troppo affrettati quando si tratta di esaltare o bocciare un giocatore promettente: “Scrivono molti giornali: salvate il soldato Gigio. E giù appelli al procuratore di Donnarumma, alla famiglia, agli amici. Sarebbe il caso di coinvolgere nell’appello anche noi dei giornali. – afferma Mura – Se Donnarumma si fosse chiamato Arturo o Michele non ci sarebbe stato il giochino con Buffon (Gigi-Gigio) e, forse, minore fretta nella santificazione di un ragazzo di 18 anni, adesso 19, veramente forte in rapporto all’età, ma che doveva fare esperienza. La sta facendo, e non sono sempre rose e fiori. Nella finale di Coppa Italia, due brutte papere ma anche tre buone parate. Voti bassi, ma fanno parte del gioco e del percorso di crescita, che non è solo tecnico ma caratteriale. Seriamente, però, per stabilire se Gigio è il nuovo Gigi bisognerebbe aspettare almeno otto anni”.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Milan, Gattuso e il problema Donnarumma: “Non è sereno”

Donnarumma: il portiere si sarebbe convinto a lasciare il Milan

Gattuso su Donnarumma: “Mercato? Parlate con i dirigenti. Lui non è tranquillo”

Donnarumma prova a risollevarsi: “Sono errori che capitano”

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy