Kessié: “Sono stanco, ma devo alzare l’asticella. Sui paragoni con Gattuso…”

Kessié: “Sono stanco, ma devo alzare l’asticella. Sui paragoni con Gattuso…”

Franck Kessié, centrocampista rossonero, ha parlato ai microfoni di Milan TV, in cui ha svelato diverse curiosità sul suo conto. Ecco le sue dichiarazioni

di Salvatore Cantone, @sa_cantone

Franck Kessié, centrocampista rossonero, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni a Milan TV, soffermandosi sulla più stretta attualità: “Sono un po’ stanco per le tante partite, ma questo non conta per me perchè devo alzare l’asticella. Il momento più difficile della gara è l’inizio, in quanto devo entrare nel ritmo partita”.

Su Milano: “Mi piace Milano, è una bella città. Faccio avanti e indietro da Milano a Milanello. Qualche volta sono stato al Duomo. Poi sto a casa a riposare, perchè devo recuperare bene”.

Sul tempo libero: “Mi piace giocare alla Playstation e a bowling. Se mi schiero alla Playstation? Mi metto capitano e faccio tutto io (ride, ndr)”.

Su cosa fa prima della partita: “Mi piace fare scherzi prima della partita: sono tutti troppi seri. Stiamo giocando al calcio e non facendo la guerra. Dopo il riscaldamento mi sale l’adrenalina. I miei bersagli preferiti? Kalinic e Zapata”.

Su quando ha deciso di diventare giocatore: “Quando ho preso il volo per arrivare in Italia e sono arrivato a Bergamo, sono andato a vedere Atalanta-Cagliari allo stadio. E lì mi son detto che avrei dovuto fare per forza questo mestiere. Sono passato dai 27 gradi ai -3, perchè sono arrivato in inverno. Volevo subito tornare indietro (ride, ndr)”.

Su suoi interessi: “Mi piace ascoltare la musica. Meglio che non vedete come ballo… (ride,ndr)”.

Sulla sua vacanza ideale: “E’ quella nel mio paese, perchè fa molto caldo e ci sono tutti i miei amici”.

Sulla sua carriera: “Sono molto grato al mio procuratore, perchè è stato lui che mi ha permesso di arrivare a Bergamo. Ringrazio anche Rino Foschi e  Drago (ex allenatore del Cesena), che mi ha fatto giocare tanto e che mi ha cambiato la mia posizione in campo”.

Sulla scelta di andare al Milan: “Ho scelto questa squadra per i tifosi e per il progetto, che mi è piaciuto molto”.

Su Gattuso: “Se ho visto giocare Gattuso?Si, era un grande campione. Chi è più forte tra me e lui? Io”.

 

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE

Kessié squalificato: con la Sampdoria ipotesi Locatelli e Montolivo, ma Calhanoglu…

Milan, la risalita con super Kessiè nel motore

Kessié: “Gattuso mi aiuta molto. Vogliamo giocare su tutti i fronti”

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy