Turchia o Milan, Çalhanoğlu è senatore e trascinatore

Turchia o Milan, Çalhanoğlu è senatore e trascinatore

Hakan Çalhanoğlu, per larghi tratti della scorsa stagione oggetto misterioso del Milan, ora è un punto fermo del Diavolo e della sua Nazionale

di Daniele Triolo, @danieletriolo

‘La Gazzetta dello Sport’ in edicola questa mattina ha pubblicato un interessante focus su Hakan Çalhanoğlu, 24enne fantasista del Milan che, nella scorsa stagione, per larghi tratti era sembrato un oggetto misterioso piovuto sul piacere rossonero ma che, al contrario, da gennaio in avanti, sotto la cura di Gennaro Gattuso, è esploso fino a diventare elemento imprescindibile della squadra milanista.

Gattuso gli ha dato fiducia, lo ha spronato, lo ha ‘liberato’, mentalmente e tatticamente, sul rettangolo di gioco e Çalhanoğlu ha risposto sfoderando tutta la sua bravura. Nel finale della passata stagione, oltre a realizzare gol pesanti ed a fornire assist al bacio per i compagni, è anche tornato a colpire con la sua specialità, il calcio di punizione: segno di un calciatore finalmente ritrovato ai massimi livelli.

In Nazionale, poi, con Mircea Lucescu, il turco si sta prendendo la ribalta: dimostrazione di come sia diventato talmente maturo, trascinatore e ‘senatore’ da poter trasferire numeri ed incisività nel gioco da un palcoscenico all’altro senza perdere in qualità ed efficienza. Due giorni fa, la sua Turchia, sotto 2-0 alla ‘Friends Arena‘ di Solna, in Svezia, ha rimontato fino a vincere per 3-2 e la prima rete è arrivata proprio grazie ad una sua rasoiata sul palo più lontano.

Çalhanoğlu leader, dunque, sia nel Milan sia nella Turchia: in rossonero, è uno dei ragazzi che, più di tutti, fa spogliatoio. Ha invitato un gruppo di compagni, vecchi e nuovi, a farsi un bagno in piscina nella terrazza di casa sua qualche settimana fa, con Franck Kessié ha inventato un’esultanza di coppia in stile Dragon Ball e con Gianluigi ‘Gigio’ Donnarumma, spesso, scherza in allenamento, così come con il ‘PipitaGonzalo Higuaín.

In Nazionale, Lucescu punta forte su di lui come uomo squadra anche al di fuori del prato verde, al punto tale da aver tagliato i veterani Arda Turan e Burak Yilmaz per affidare il nuovo corso della Turchia ai giocatori più giovani e carismatici, Çalhanoğlu in testa. Un calciatore, ed un uomo, su cui puntare ad occhi chiusi. E che il Diavolo giudica incedibile: il punto.

++ Guarda Gratis per un mese DAZN!! CLICCA QUI ++

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy