Milan, Gattuso orgoglioso: “Fatto un buon lavoro”

Milan, Gattuso orgoglioso: “Fatto un buon lavoro”

Gennaro Gattuso, tecnico del Milan, ha rivendicato la bontà del suo operato in una stagione complicata per tanti aspetti. Oggi incontra Ivan Gazidis

di Daniele Triolo, @danieletriolo

ULTIME MILAN – Il Milan di Gennaro Gattuso, ieri sera, ha battuto per 3-2 la Spal a Ferrara, toccando quota 68 punti (miglior risultato rossonero nelle ultime 6 stagioni, n.d.r.), ma mancando, per un solo punto, la qualificazione in Champions League. Come ricordato da ‘La Gazzetta dello Sport‘ oggi in edicola, già nelle prossime ore Gattuso incontrerà Ivan Gazidis, amministratore delegato del club di Via Aldo Rossi: spetterà al manager sudafricano valutare, di concerto con la proprietà, l’operato del tecnico sulla panchina del Diavolo in questa stagione.

Il Milan, ha insistito la ‘rosea‘, inizierà un nuovo ciclo, con nuovi dirigenti (Leonardo è sul punto di lasciare) e nuovi calciatori. Potrebbe anche essere che il fondo Elliott Management Corporation decida di cambiare la guida tecnica della squadra rossonera: le quotazioni di Gattuso, in tal senso, che erano bassissime, quasi ai minimi storici, qualche settimana fa, hanno subito un notevole rialzo nell’ultimo periodo e presto si arriverà ad una decisione definitiva. Una decisione che, però, dovranno prendere entrambe le parti. Non è detto, infatti, che, qualora la società optasse per una riconferma, alla fine Gattuso resti in panchina.

Intanto, ieri, al termine del match contro i ferraresi di Leonardo Semplici, Gattuso ha voluto ringraziare i suoi ragazzi: “Merito loro se abbiamo fatto 68 punti, è tanta roba invece sembra tutto scontato. C’è rammarico e fa male – le parole dell’allenatore calabrese -. Abbiamo fatto un buon lavoro e con qualche innesto di esperienza possiamo dire la nostra perché siamo ancora molto giovani. Con il club abbiamo parlato – la rivelazione di Gattuso -, ho già parlato della squadra che vorrei. Giocatori funzionali. In questi giorni, però, ci incontreremo ed ascolterò ciò che hanno da dirmi. Con tutte le problematiche che abbiamo avuto in questi 18 mesi abbiamo fatto un buon lavoro”.

Gattuso, poi, si è lasciato andare in sala stampa ad un piccolo ‘sfogo’: “Sento troppe responsabilità in questo club, mi spendo troppo e ho sentito più pressioni di quelle che avrei dovuto sentire. Mi sono sentito allenatore ed amministratore delegato. Negli ultimi mesi dormivo poco, sono a pezzi mentalmente. Al Milan devo tanto, molto di più di quello che ho dato io. Mi ha fatto diventare ‘mezzo allenatore’, ma non vorrei lasciarci le penne. Ora, però, non ho la sensazione che sia stata l’ultima partita con il Milan – ha concluso Gattuso -, discuteremo con onestà: fino ad oggi nessuno mi ha parlato di altre soluzioni. La verità uscirà fuori ma a me non è stato detto nulla. Devo valutare bene, dobbiamo guardarci in faccia e capire in che direzione dobbiamo andare”.

Il tecnico, dunque, è tutt’altro che certo di restare. E cosa farà, invece, Paolo Maldini in caso di addio di Leonardo? Continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy