Gazzetta – Milan, la vittoria più amara

Gazzetta – Milan, la vittoria più amara

A Ferrara, il Milan si impone 3-2 (Hakan Calhanoglu e doppio Franck Kessie), ma visti i successi di Atalanta e Inter fallisce la qualificazione in Champions

di Daniele Triolo, @danieletriolo

ULTIME MILAN – ‘La Gazzetta dello Sport‘ oggi in edicola ha analizzato la partita del Milan di Gennaro Gattuso che, ieri sera, al ‘Paolo Mazza‘ di Ferrara, ha battuto per 3-2 la Spal di Leonardo Semplici. I rossoneri, con questo successo, hanno chiuso il campionato di Serie A 2018-2019, dunque, con 68 punti: si tratta del miglior risultato dal 2013 ad oggi, quando in panchina sedeva Massimiliano Allegri.

Questo ‘score’, comunque, non è bastato ad Alessio Romagnoli e compagni per conquistare l’accesso in Champions League. Le contemporanee vittorie di Atalanta (3-1 contro il Sassuolo) ed Inter (2-1, sofferto, sull’Empoli a ‘San Siro‘) hanno difatti sancito l’ingresso delle due compagini nerazzurre nella maggiore competizione continentale per club, lasciando il Diavolo, per l’ennesima volta, a bocca asciutta.

Per il Milan, giunto quinto in Serie A, si spalancheranno, per il terzo anno consecutivo, le porte dell’Europa League. Tanti i punti persi, per strada, dai rossoneri in questo torneo: con Atalanta e Inter, nel girone d’andata, per esempio sono stati incassati il gol del pareggio (della ‘Dea‘) ed il gol della sconfitta (nel derby), al 91′ ed al 92′, ma, verosimilmente, se oggi il Milan non ha potuto festeggiare il ritorno in Champions lo deve ai 5 punti in 7 partite totalizzati ad inizio primavera, dopo il derby di ritorno.

Ieri sera, a Ferrara, la squadra ha confermato di passare tutto sommato un bel momento: in vantaggio dopo 23′ per due reti, grazie alle belle conclusioni di Hakan Calhanoglu e Franck Kessie, il Milan, che ha perso Gianluigi ‘Gigio’ Donnarumma per un infortunio muscolare, ha anche palesato qualche limite caratteriale e strutturale, allorquando, una volta subito il primo gol di testa da Francesco Vicari, ha incassato anche il secondo, in apertura di ripresa, sempre per una disattenzione difensiva, e sempre di testa, da Mohamed Fares.

Nel finale di gara, fallo in area su Krzysztof Piatek e calcio di rigore, trasformato da Kessie, per la sua doppietta personale e per il settimo gol in campionato: 3-2, alla fine, per il Milan ma mai vittoria, probabilmente, è stata così tanto amara. Nel post-partita, ha parlato poi l’amministratore delegato del club di Via Aldo Rossi, Ivan Gazidis: per le sue dichiarazioni, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy