Faccia a faccia Gattuso-Singer: il tecnico vuole la Champions League

Faccia a faccia Gattuso-Singer: il tecnico vuole la Champions League

Il tecnico Gennaro Gattuso ha ottenuto la piena fiducia della proprietà americana: ora l’obiettivo del Milan è quello di alzare subito l’asticella

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Secondo l’edizione odierna del ‘Corriere dello Sport – Stadio’ il chiodo fisso di Gennaro Gattuso, allenatore del Milan, è quello di riportare, già da questa stagione, la squadra rossonera tra le prime quattro della classifica di Serie A, e, quindi, alla qualificazione alla prossima edizione della Champions League.

Gattuso è talmente focalizzato sull’obiettivo stagionale che, non appena messo piede in Italia dopo la lunga tournée dei rossoneri negli Stati Uniti d’America, come prima cosa ha incontrato, a cena, nel suo ristorante di Gallarate (VA), i nuovi vertici societari del Milan per fare il punto della situazione, anteponendo, quindi, i colori del Diavolo persino alla sua famiglia.

Lunedì sera, quindi, Gattuso ha visto Gordon Singer, figlio di Paul, proprietario del fondo Elliott Management Corporation, ora al comando del Milan, nonché il Presidente rossonero Paolo Scaroni e la coppia Leonardo-Paolo Maldini, ai quali è stata demandata la responsabilità dell’area tecnico-sportiva del nuovo corso rossonero ‘a stelle e strisce’.

A Gattuso è stata ribadito, ancora una volta, di essere al centro della pianificazione del nuovo Milan, che vuole tornare presto a competere sia in Italia sia in Europa: l’allenatore è consapevole, al contempo, di come la squadra, sebbene sia “pronta al 90%” necessiti di qualche ritocco, soprattutto a centrocampo e sugli esterni, in attacco. Ma Gordon Singer ha anche spiegato a Gattuso come Elliott abbia previsto, per il Milan, un progetto di almeno 4-5 anni, nei quali andranno rispettati i parametri del Fair Play Finanziario della UEFA e, pertanto, acquisti ‘folli’ non sarebbero di certo all’ordine del giorno.

Per il ‘CorSport’, dunque, l’arrivo di Gonzalo Higuaín in rossonero, resosi necessario per il disperato bisogno del Milan di avere un bomber di caratura internazionale, resterà l’eccezione di un mercato morigerato, che dovrà essere intelligente e fantasioso ma senza spese pazze. A Gattuso, tutto questo, andrebbe anche bene: tutto ciò che chiedeva, infatti, sin dallo scorso 9 luglio, giorno del ritiro del Milan, era un confronto schietto e diretto con la proprietà. Ottenuto questo, con reciproca soddisfazione, si andrà avanti insieme. Inseguendo la qualificazione in Champions League. E chissà che Elliott non regali al tecnico calabrese un rinforzo di qualità in mediana: qui le ultime notizie!

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy