Pagelle Udinese-Milan, i voti della Gazzetta: Kjær, che crescita

PAGELLE UDINESE-MILAN – La Gazzetta dello Sport ha stilato le pagelle per Udinese-Milan 1-2 della 6^ giornata di Serie A. Voti e giudizi sui rossoneri

di Daniele Triolo, @danieletriolo
Pagelle, Rassegna Stampa - I voti di Gazzetta (Grafica)

Pagelle Udinese-Milan, i voti della Gazzetta dello Sport

 

PAGELLE UDINESE-MILAN – ‘La Gazzetta dello Sport‘ in edicola questa mattina ha stilato le pagelle per Udinese-Milan 1-2, gara valevole per la 6^ giornata di Serie A. Vediamo, dunque, voti e giudizi dei calciatori del Milan secondo il quotidiano sportivo nazionale di oggi.

Pagelle Udinese-Milan, il migliore in campo

 

Zlatan Ibrahimovic, voto 7,5, giudicato dalla ‘roseaMVP della sfida della ‘Dacia Arena‘. Questa la sua pagella: “Gol e assist, cioè il riassunto di quello che sta facendo instancabilmente da quando è tornato al Milan. Ha partecipato a 23 reti in 22 match di Serie A. Ma soprattutto ha trasmesso uno spirito che ha reso tutti più forti”.

Pagelle Udinese-Milan, il giudizio del mister

 

Stefano Pioli, voto 7,5 anche per lui. “Da giovedì sera a domenica a mezzogiorno è un attimo. Non è facile tenere alta tensione e competitività. Ci riesce ancora una volta con turnover e buone idee. La squadra gli risponde sempre: è il suo merito maggiore”. Ed il suo Milan, adesso, può sognare davvero in grande.

Pagelle Udinese-Milan, la prestazione del ‘Presidente’

 

Franck Kessié, voto 7, è, secondo ‘La Gazzetta dello Sport‘, “un altro simbolo del Rinascimento. Lo contestavano ed oggi è insostituibile. Gol, spinta e recuperi. È la forza del Diavolo. La botta sotto la traversa ha intimidito l’Udinese”. Con Ibra, quindi, il centrocampista ivoriano è stato tra i migliori in Friuli.

Pagelle Udinese-Milan, molti calciatori autori di un’ottima prova

 

Il quotidiano sportivo nazionale ha premiato con un voto 6,5 tanti giocatori del Milan per questo match vinto fuori casa. Davide Calabria (“Ruba palla a Gerard Deulofeu che lo sfida. Anche buoni cross”), Diogo Dalot (“Minuti utili e preziosi”), Simon Kjær (“Da oggetto misterioso a colonna portante. La parabola è sempre più nitida: confermata anche ieri. Chiusura imperiosa nel momento più delicato”), Ismaël Bennacer (“Il suo lancio oceanico libera Ibra che assiste il gol di Kessié. A lungo padrone del reparto, per interdizione e verticalità. La sua uscita ci sorprende”).

Poi Rafael Leão (“Ottimo inizio con accelerazioni e buon attacco della profondità”), Brahim Díaz (“Entra bene il ragazzino: accende subito un paio di scintille che fanno bene al Milan”) ed Ante Rebić (“La palla che spedisce in area e che Ibra trasformerà nel gol partita illumina il suo spezzone finale che ha vissuto con buon entusiasmo. Un gran recupero per Pioli”). Segno di una performance tutto sommato buona dei rossoneri in quel di Udine.

Pagelle Udinese-Milan, quattro sufficienze piene

 

Voto 6, quindi, per Gianluigi ‘Gigio’ Donnarumma (“Torna in battaglia e riconsegna sicurezza alla sua truppa, anche se non deve parare quasi nulla”), Theo Hernández (“Il vero Theo spunta alla fine quando, vitaminico, straripa sulla stanchezza altrui. Ma prima soffre troppo Ignacio Pussetto”), Hakan Çalhanoglu (“Lo si intuisce anche dalla sua reattività inferiore al solito che non è al top. Con intelligenza, cerca di rendersi utile”) e Sandro Tonali (“Entra dopo il pareggio, perché Pioli vuole rafforzare l’interdizione per bilanciare l’ingresso di Díaz e Rebić e coprire le spalle agli incursori offensivi che cercano i tre punti”.)

Pagelle Udinese-Milan, le note dolenti

 

Prestazione tutt’altro che da ricordare per il belga Alexis Saelemaekers, voto 5,5 così motivato: “Questa volta il ragazzo ha faticato. Solita intelligenza tattica, ma sbavature tecniche e poco apporto creativo ad un Milan che spingeva molto di più sulla catena mancina”. Ma il peggiore in campo, secondo ‘La Gazzetta dello Sport‘, è stato il capitano, Alessio Romagnoli, che ha rimediato un 5. “Pussetto andava accompagnato sul fondo, tenendo il corpo tra l’avversario e la porta. Troppo rischio intervenire. E infatti … Fatica a dare continuità alle buone prestazioni”. LE DICHIARAZIONI POST-PARTITA DI IBRA >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy