Milan-Inter: Pioli e Conte, incroci di cuore | Serie A News

Stefano Pioli ed Antonio Conte, tecnici di Milan e Inter, attesi da un derby speciale. Pioli era tifoso nerazzurro, Conte è stato vicino ai rossoneri

di Daniele Triolo, @danieletriolo
Pioli Conte Milan Inter

Verso Milan-Inter: partita strana e speciale per Pioli e Conte

 

Stefano Pioli e Antonio Conte, tecnici di Milan e Inter, saranno nuovamente avversari domenica pomeriggio, alle ore 15:00, a ‘San Siro‘. L’imminente derby di Milano arriva connerazzurri e rossoneri separati da un solo punto in vetta alla classifica di Serie A (50 a 49). Il match sarà, come sottolineato dal ‘Corriere dello Sport‘ oggi in edicola, una partita speciale, ma ‘strana’ per entrambi.

Pioli, infatti, era tifoso nerazzurro ed oggi siede sulla panchina del Milan. Club con il quale sta ottenendo ottimi risultati, anche superiori rispetto a quelle che erano le aspettative stagionali. Conte, invece, che sta guidando l’Inter da ormai un anno e mezzo e spera di vincere lo Scudetto, in passato è stato molto, molto vicino ad occupare la panchina rossonera.

Pioli, tra l’altro, ha anche avuto la possibilità di allenare l’Inter. Accadde nella stagione 2016-2017, quando il tecnico emiliano subentrò a Stefano Vecchi, il quale, a sua volta, aveva sostituito l’olandese Frank de Boer. Arrivò alla Pinetina professando la sua fede nerazzurra, sua e di tutta la sua famiglia, ed esordì proprio in un derby contro il Diavolo: un 2-2 firmato, al 92′, da Ivan Perišić.

Pioli centrò 7 vittorie nelle prime 9 gare sulla panchina dell’Inter. Poi, il crollo da metà marzo in poi e l’esonero, con il secondo subentro di Vecchi in quella tormentata stagione dei nerazzurri. I quali conclusero il torneo dietro al Milan, di un punto: settimo posto e fuori dall’Europa. Conte, invece, come confessato di recente anche da Adriano Galliani, attuale amministratore delegato del Monza, fu ad un passo dal Milan poco prima, a cavallo tra il 2015 e il 2016.

All’epoca, però, il Milan era giunto alle ultime ‘curve’ della 31enne epopea di Silvio Berlusconi e, pertanto, il progetto non riuscì a convincere al 100% Conte. Da calciatore, inoltre, quando vestiva la maglia della Juventus, Conte ha perso la Champions League del 2003 a Manchester proprio contro il Milan. Quel Milan che, successivamente, ha battuto in volata, da allenatore bianconero, nella stagione 2011-2012, quella del famoso gol-non-gol di Sulley Muntari.

Pioli e Conte, Milan e Inter, due allenatori con un obiettivo comune: la vittoria. In un derby che il destino avrebbe anche potuto far disputare a ‘panchine invertite‘. Intervista a Calabria: aneddoti su Ibra, famiglia e PlayStation >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy