Milan, una squadra da 20 milioni: difficile ritornare grandi così

Ivan Gazidis avrebbe in mente un Milan titolare da non oltre 20 milioni di euro di ingaggi. Sarà dura costruire una squadra vincente in questo modo…

di Renato Panno, @PannoRenato
Ivan Gazidis Milan

ULTIME NEWS MILAN – Ormai i tifosi ci sono abituati: a fine stagione sarà ancora una volta rivoluzione. Un altro cambiamento totale investirà il mondo rossonero che, come succede da svariati anni, si troverà a ripartire da zero. Una rivoluzione che è già partita nelle scorse settimane, quando Ivan Gazidis ha preso in mano le redini del Milan licenziando Zvonimir Boban dopo l’intervista non autorizzata a ‘La Gazzetta dello Sport’. Con ogni probabilità anche Paolo Maldini e Frederic Massara seguiranno l’ex collega croato, ma anche il futuro di Stefano Pioli è appeso ad un filo. Il prescelto di Gazidis si chiama Ralf Rangnick, già contattato e in pole per il ruolo di manager all’inglese.

Milan nuovo, filosofia nuova. Boban e Maldini avevano cercato di inculcare la vecchia mentalità rossonera basata sull’esperienza, requisito fondamentale per cercare di ambire a ben altre posizioni da quelle attuali. L’innesto di Zlatan Ibrahimovic è stato chiaro in questo senso, ma questa strada sarà difficile da percorrere senza le due bandiere rossonere. Lo svedese sembra ormai ad un passo dal dire addio al Milan, perché la squadra giovane pensata da Gazidis (e forse da Rangnick) presenta tutt’altre caratteristiche.

Le ultime voci vogliono che la squadra titolare del Milan non debba superare i 20 milioni di euro di ingaggi. Ciò vuol dire che non si può superare il tetto dei 2 milioni di euro per qualsiasi giocatore. Una cifra che, inevitabilmente, allontana qualsiasi top player dalle zone di Milanello. Per fare un esempio Thiago Silva, nei giorni scorsi accostato al Milan, guadagna da solo 12 milioni di euro. Gli stipendi da fuoriclasse sono decisamente altri, per questo motivo non è difficile prevedere un altro periodo di magra non esattamente breve. Uno stile tipo Arsenal e Lipsia che non appartiene certamente alla storia del Milan.

E’ difficilissimo pensare di ritornare grandi così, nonostante i proclami di Gazidis. Il dirigente sudafricano ha spesso affermato di voler riportare il Milan dove merita. In questa maniera, probabilmente, non si farà altro che allungare l’agonia dei tifosi.

Intanto pare che Gazidis abbia deciso sul futuro di Romagnoli, LEGGI LE ULTIME >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy