Panucci: “Ecco cosa mi insegnò Braida al Milan. Su Sacchi …”

ULTIME NOTIZIE MILAN NEWS – Christian Panucci, ex difensore del Milan ed oggi allenatore, ha parlato ai microfoni di ‘Repubblica’. Le sue dichiarazioni

di Daniele Triolo, @danieletriolo
Christian Panucci

Panucci ricorda un aneddoto con Braida al Milan

 

ULTIME NOTIZIE MILAN NEWSChristian Panucci, ex difensore del Milan ed oggi allenatore, ha parlato ai microfoni di ‘Repubblica‘ in edicola questa mattina. Queste alcune dichiarazioni di Panucci.

Si pentì di avere lasciato il Real Madrid per l’Inter? «Mi sono pentito di avere lasciato il Madrid, questo è sicuro, ma non di avere scelto l’Inter. Avevo vinto tutto con Milan e Real, era una bella sfida».

Oggi è ricco? «Non ho sperperato. Ho seguito il motto che Ariedo Braida m’insegnò al Milan: arte e mattone. Nel tempo libero mi portava per mostre. Quanto ai soldi, mi consigliò di comprare case. Ho un figlio 19enne che vuol fare l’avvocato. Io alla sua età ero al Milan e regalai casa ai miei. Vivevano in affitto in 50 metri. Le lacrime di papà di fronte al notaio sono il ricordo più bello che ho».

Conserva ancora i guanti che Walter Zenga le donò al primo derby? «Li ha mia mamma. Le cose care le do a lei, che non perde nulla».

Finita l’esperienza come C.T. dell’Albania, cosa farà ora? «Aspetto la proposta giusta. Pep Guardiola mi ha invitato a Manchester a seguire i suoi allenamenti, ma non voglio essere di troppo. Certo, lui è un maestro».

Con i suoi allenatori ebbe anche rapporti burrascosi … «Con Arrigo Sacchi non ci prendevamo, ma il primo messaggio quando ho preso l’Albania è stato il suo. Con Luciano Spalletti ci sentiamo ancora. Sono grato a tutti, Marcello Lippi compreso».

Chi vincerà il campionato? «Lo può solo perdere la Juventus. Poi vedo Inter, Milan, Roma. Sette squadre per quattro posti, può succedere di tutto». CALCIOMERCATO MILAN, SVOLTA PER IL FUTURO DI OZAN KABAK: LE ULTIME >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy