Coronavirus – Spadafora: “Continuiamo a stare a casa: dati ancora alti”

Coronavirus – Spadafora: “Continuiamo a stare a casa: dati ancora alti”

Vincenzo Spadafora su Facebook: “Non prendiamo decisioni facilmente. Sappiamo che sono dei sacrifici questi, ma vanno fatti nel bene di tutti”

di Antonio Tiziano Palmieri
Vincenzo Spadafora

ULTIME NEWS – Il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora, ha rilasciato un intervento sulla sua pagina Facebook in cui ha parlato della situazione in Italia per quanto riguarda il Coronavirus.

Ecco le frasi salienti pronunciate da Spadafora: “Stiamo vivendo ancora ore difficili nonostante qualche piccolo segnale di miglioramento, ma non dobbiamo pensare di riprendere subito le nostre abitudini. Ora è il momento di restare ancora a casa perché dobbiamo dare il tempo a tutti coloro che stanno lavorando con grande sacrificio per migliorare questa situazione, di proseguire il lavoro svolto fin ora. Anche il mondo dello sport deve continuare ad osservare le regole. Ma ricordiamoci che lo sport non è soltanto il calcio, ma ci sono tante altre discipline sportive importantissime dove siamo forti come Italia con i nostri campioni e con i nostri atleti. Ma lo sport è anche lo straordinario lavoro che fanno migliaia di associazioni e società dilettantistiche in giro per l’Italia perché creano in ogni città una sinergia fra territorio e sport di base. Esse consentono ai cittadini di sentirsi vivi. Ora abbiamo altri 10 giorni davanti a noi dove possiamo vedere veramente la differenza. In questi 10 giorni saranno ancora vietati ogni tipo di allenamento in ogni tipo di struttura. Questo sacrificio va fatto perché sono ancora troppo alti i dati sul numero di persone che muoiono a causa del Coronavirus”.

Sulle decisioni prese, Spadafora ha detto: “Non pensate che prendiamo queste decisioni a cuor leggero o non capiamo quante ripercussioni ci sono. Il Governo prende decisioni ascoltando i medici, gli scienziati e il comitato tecnico scientifico. Da quando è iniziata questa emergenza, facciamo il nostro dovere giorno e notte per fare il meglio per gli italiani. Queste sono decisioni necessarie nell’interesse di tutti”.

Sugli sviluppi dei prossimi giorni con le varie Federazioni, Spadafora ha aggiunto: “Nei prossimi due giorni incontrerò in videoconferenza i Presidenti delle principali Federazioni per consultarmi con loro. Voglio avere tutti i dati per lavorare nel weekend e tirar fuori un piano che aiuti tutto il mondo dello sport. A maggio faremo delle iniziative per pensare al futuro. Vogliamo tutelare i lavoratori e collaboratori sportivi per far si che le associazioni dilettantistiche non chiudano. Vi assicuro che lavoriamo 24 ore al giorno per cercare di rilanciare lo sport nel nostro paese”.

Nel frattempo in casa Milan, è incerto anche il futuro di Alessio Romagnoli. Per saperne di più continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy