Verso Inter-Milan, Júlio César: “Il derby più bello? Quando parai un rigore a Ronaldinho”

Verso Inter-Milan, Júlio César: “Il derby più bello? Quando parai un rigore a Ronaldinho”

Júlio César, ex portiere dell’Inter del Triplete, ha ricordato il suo passato nerazzurro e ricordato un aneddoto per lui fortunato in un derby di Milano

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Júlio César, ex portiere dell’Inter del Triplete, ha ricordato il suo passato nerazzurro e ricordato un aneddoto per lui fortunato in un derby di Milano ai microfoni de ‘La Gazzetta dello Sport’. Queste le dichiarazioni di Júlio César:

Sulla sua esperienza all’Inter: “Ho vissuto sette anni in cui abbiamo fatto grandissime cose: i tifosi sono rimasti legati anche perché abbiamo portato loro 14 titoli. E ho vinto più derby di quanti ne abbia persi, per fortuna …”.

Sui migliori momenti in nerazzurro: “Tutti i momenti sono stati speciali. Ma la serata più bella è stata quella di Madrid (finale di Champions League del 2010 contro il Bayern Monaco, n.d.r.). La parata top quella su Lionel Messi in semifinale contro il Barcellona. Il derby più bello quello in cui ho parato un rigore a Ronaldinho, uno dei migliori giocatori al mondo. Eravamo avanti 2-0, avessero accorciato non so come sarebbe finita …”.

Sull’Inter di oggi: “Sta andando bene. Vincere le prime due gare in Champions ti permette di giocare con più tranquillità, anche se non è ancora finita. Adesso vengono due gare difficili contro il Barcellona, anche se la partenza dà un po’ di tranquillità”.

Sul Barcellona attuale: “Gente come Xavi, Andrés Iniesta o Neymar mancherebbe a qualsiasi squadra. Però una squadra che ha Messi è sempre pericolosa”.

Su Samir Handanović, suo erede in nerazzurro: “Secondo me è molto forte, in Champions avrà la possibilità di dimostrarlo ancora di più. La vetrina europea ti dà una dimensione diversa rispetto a quella del calcio italiano. Se ripete quello che ha fatto in Serie A anche in coppa, per me può entrare nella Top 3 o Top 5 del mondo”.

Sul suo futuro professionale: “Io adesso sto fermo, non ho niente in testa. Mi godo la famiglia”. Il derby tra Inter e Milan del prossimo 21 ottobre, nel frattempo, si preannuncia una sfida tra muscoli e qualità. Perché? Qui l’approfondimento sul tema.

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy