Verso il derby Inter-Milan: quando la qualità sfida i muscoli

Verso il derby Inter-Milan: quando la qualità sfida i muscoli

‘San Siro’ comincia a scaldarsi per il derby Inter-Milan del prossimo 21 ottobre e si scopre che i rossoneri sono quelli meno fallosi nel nostro campionato

di Daniele Triolo, @danieletriolo

‘La Gazzetta dello Sport’ in edicola questa mattina ha dedicato un approfondimento, statistico e numerico, al derby della Madonnina in programma domenica 21 ottobre, alle ore 20:30, a ‘San Siro’ tra Inter e Milan.

I dati, infatti, parlano di un’Inter piuttosto aggressiva e fallosa in quest’edizione di Serie A: la speciale classifica dei falli fatti, nelle prime 8 giornate, ‘premia’, per così dire, il Torino dell’ex tecnico nerazzurro Walter Mazzarri, con 123 falli, davanti a S.P.A.L. (118), Sampdoria (117), Sassuolo (115) e vede proprio la squadra di Luciano Spalletti in quinta posizione, a quota 112 falli fatti, ex aequo con il Frosinone.

Il Milan, al contrario, ha commesso appena 69 falli, sebbene siano avvenuti in 7 partite (c’è da recuperare ancora quella contro il Genoa, il prossimo 31 ottobre, sempre a ‘San Siro) e chiude la graduatoria delle squadre della massima serie. Insomma, a quanto sembra, leggendo i numeri, l’Inter fonda la propria forza e la sua identità sui muscoli: questo soprattutto perché, mancando un regista puro in mezzo al campo, i nerazzurri devono fare di necessità virtù e stanno ricorrendo a carattere e cattiveria agonistica.

Qualità che, a conti fatti, hanno permesso loro di vincere 6 gare consecutive tra campionato e Champions League, ma anche di incamerare 11 cartellini gialli ed un’espulsione, nel contempo. Il Diavolo, invece, sembra essere un paradosso: in panchina siede Gennaro Gattuso, che della grinta ha fatto il suo mantra durante tutta la carriera da calciatore, eppure la squadra è la più ‘gentile’ del torneo? Sì, ma non perché i giocatori tirino indietro la gamba, ma più che altro perché, per caratteristiche tecniche, tra i rossoneri vi sono molti più giocatori portati ad inventare anziché distruggere.

Un esempio: l’ossatura base della squadra è rimasta la stessa, con pochi picchiatori (Franck Kessié e Lucas Biglia maggiormente portati all’interdizione) e tanti costruttori di gioco (Jesús Suso, Hakan Çalhanoglu, Giacomo ‘Jack’ Bonaventura, il neo-acquisto Samu Castillejo), eppure la quantità dei falli delle prime 7 partite della gestione di Gattuso nel 2017-2018 è scesa di ben 28 unità (da 97 a 69) rispetto le prime 7 partite di quest’annata. I rossoneri hanno imparato, secondo la ‘rosea’, a conoscersi meglio, a rispettare la loro qualità e gli avversari.

Ci si aspetta, dunque, un derby molto combattuto, con, da un lato, la fisicità nerazzurra e, dall’altra, il tasso tecnico del Diavolo. Chi avrà la meglio? Lo scopriremo tra poco più di una settimana. Intanto, ecco come, sulla sponda nerazzurra, Massimo Moratti, ex Presidente dell’Inter, ha introdotto la stracittadina!

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy