Nuovi record per Donnarumma: il suo contratto è l’urgenza dei cinesi

Nuovi record per Donnarumma: il suo contratto è l’urgenza dei cinesi

Gianluigi Donnarumma domenica festeggerà le 45 partite in Serie A: è il più giovane dal 1994-95. Mino Raiola tratterà il suo rinnovo con la nuova proprietà

Il Milan giovane ed italiano che tanto piace al Presidente Silvio Berlusconi, più che un’idea, è già un progetto in atto e, come sottolineato da ‘La Gazzetta dello Sport’ oggi in edicola, il suo simbolo è il 17enne portiere Gianluigi Donnarumma. Cresciuto nel settore giovanile rossonero, costato zero, oggi il suo valore è inestimabile.

Come confermato dal Presidente, nessun gioiello del Milan sarà venduto e, pertanto, Donnarumma si candida a divenire il campione più giovane della rosa rossonera. Non appena subentrerà la nuova proprietà cinese (che ciò avvenga il prossimo 13 dicembre o, in alternativa, tra 30-45 giorni per via di una proroga del closing), l’urgenza sarà quella di rinnovare il contratto del portiere, la cui scadenza è fissata, attualmente, al 30 giugno 2018.

A febbraio, nel momento del compimento del 18° anno di età, Donnarumma potrà firmare per cinque anni, e non più per tre, legando quindi al suo futuro al club di Via Aldo Rossi. Spetterà, dunque, al suo agente Mino Raiola ed ai cinesi trovare l’accordo sulle cifre del contratto. Intanto, come ha evidenziato la ‘rosea’, domenica contro il Crotone Donnarumma toccherà quota 45 partite disputate in Serie A, fissando un nuovo record: dalla stagione 1994-95, è il più giovane in assoluto ad arrivare a questo traguardo. Senza considerare che, in questo campionato, ha mantenuto già 5 volte su 14 la propria porta inviolata.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Cessione Milan: lo scenario in caso di slittamento del closing

Cessione Milan, entro una settimana i nomi degli investitori

Cessione Milan: Berlusconi e SES, avanti tutta

SEGUICI SU: Facebook /// Twitter /// Google Plus /// Telegram

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy