Milan-Bakayoko, ci siamo: arriverà in prestito, ma ci sono dettagli da definire

Milan-Bakayoko, ci siamo: arriverà in prestito, ma ci sono dettagli da definire

Il Milan vicino a chiudere per Tiémoué Bakayoko, 24enne centrocampista di corsa e muscoli in uscita dal Chelsea: il suo stipendio però è alto

di Daniele Triolo, @danieletriolo

I quotidiani sportivi in edicola questa mattina parlano, tutti, di Tiémoué Bakayoko, centrocampista francese che, il prossimo 17 agosto, compirà 24 anni e che, verosimilmente, festeggerà la ricorrenza indossando non più la maglia del Chelsea, bensì quella del Milan.

Ieri, infatti, intorno all’ora di pranzo, è andato in scena un summit, a ‘Casa Milan‘, tra i dirigenti rossoneri Leonardo e Paolo Maldini, il fratello-manager di Bakayoko e Federico Pastorello, intermediario italiano che sta seguendo la trattativa per il poderoso giocatore (189 centimetri di altezza per 72 chilogrammi di peso) originario della Costa d’Avorio.

Dall’incontro, durato circa un’ora, è filtrato ottimismo sulla riuscita dell’operazione: il fratello-agente di Bakayoko sarebbe rimasto piacevolmente sorpreso ed impressionato da Leonardo e Maldini. A lui è stata ribadita l’importanza e la centralità del ragazzo nel progetto del nuovo Milan: c’è grande volontà, in casa rossonera, di tornare a vedere il Bakayoko che aveva stupito tutti con la maglia del Monaco, e non quello, abulico e poco incisivo, dell’ultima stagione al Chelsea.

La trattativa tra rossoneri e ‘Blues’ andrà impostata, con tutta probabilità, sulla base di un prestito con diritto di riscatto fissato tra i 30 ed i 35 milioni di euro: comunque, cifra inferiore rispetto gli oltre 40 con cui il Chelsea lo aveva comprato dal club del Principato appena un’estate fa. Sull’ingaggio di Bakayoko, poi, serviranno altri grandi lavori: il centrocampista, infatti, percepisce ben 6,5 milioni di euro a Londra. Uno stipendio che il Milan non può e non vuole permettersi di versargli.

Un po’ perché, così facendo, diventerebbe il più pagato della rosa dopo Gonzalo Higuaín, e un po’ perché la società di Via Aldo Rossi, al contrario, intenderebbe abbassare il monte ingaggi: servirà, dunque, che il Chelsea dia una mano nel pagamento degli emolumenti al giocatore, almeno nella sua prima stagione, quando Bakayoko giocherà nel Milan, tecnicamente, con la formula del prestito. L’impressione è che serviranno ulteriori incontri per risolvere la situazione.

Infatti, Leonardo, responsabile dell’area tecnico-sportiva del Milan, ai microfoni di ‘SportMediasetha, in parte, confermato la cosa: “Bakayoko? Non siamo in dirittura d’arrivo, ancora non c’è niente di deciso”. I paletti UEFA sul Fair Play Finanziario frenano i rossoneri, i quali, però, puntano molto su Bakayoko, un elemento che potrebbe consentire a Gennaro Gattuso di varare, oltre che il canonico 4-3-3, anche un 4-2-3-1 con il doppio ‘schermo’ davanti la difesa che libererebbe la fantasia delle mezze punte del Diavolo al servizio di Higuaín. Volete conoscere meglio Tiémoué Bakayoko? Ecco un suo ritratto.

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy