Europa League – Ludogorets, pregi e difetti della squadra bulgara

Europa League – Ludogorets, pregi e difetti della squadra bulgara

Il Milan, nei sedicesimi di finale di Europa League, affronterà i bulgari del Ludogorets. Ecco i pregi e i difetti della squadra allenata da Dimitrov

di Salvatore Cantone, @sa_cantone

Come sottolinea La Gazzetta dello Sport, il Ludogorets, prossimo avversario del Milan in Europa League, può essere considerato la “Juventus” bulgara, visto che vince il campionato da sei anni di fila. La società è stata fondata solamente nel 2001, ma le basi sono molto solite, visto che il proprietario Kiril Domuschiev, è uno degli uomini più ricchi dell’intera Bulgaria.

LA STAGIONE – In questa stagione il Ludogorets ha perso nel secondo turno preliminare di Champions League contro L’Hapoel Beer Sheva, e in Europa League è arrivata seconda nel girone C dietro al Braga, che però è stato battuto in Portagallo per 2 a 1. In campionato la squadra di Dimitrov è in testa con 48 punti dopo 20 giornate, con il Cska Sofia che insegue con una sola lunghezza di distacco.

SQUADRA – Il giocatore più rappresentativo del Ludogorets è senza dubbio Marcelinho, trasferitosi in Bulgaria dal 2011. Il brasiliano, con 78 gol in 258 partite, è il miglior marcatore della storia del club bulgaro. Dal 2016 ha il doppio passaporto, e in stagione ha realizzato già 7 gol, di cui 3 in Europa League. Un altro da tenere d’occhio è Virgil Misidjan, ala con grande senso del gol. Il tecnico è Dimitar Dimitrov, che ha allenato in Arabia Saudita e in Russia.

GIOCO – Il tecnico è un amante delle rotazioni, e cambia continuamente il sistema di gioco. Quello base è il 4-3-3, ma spesso si trasforma in 3-5-2 o 4-1-4-1, con Goralski o Andrianantenaina a fare da registi davanti alla difesa: la squadra è molto veloce nelle ripartenze e soprattutto l’allenatore la vuole molto corta in campo. Gli stranieri in rosa sono 17 e questo a volte crea un po’ di problemi, cosi come è successo nell’ultimo mese, cioè quando il Ludogorets ha perso tre incontri negli ultimi 8 match. Il punto debole è sicuramente la difesa, visto i 28.5 anni di media dei difensori e i 5 gol presi in 6 gare nel girone. Insomma, il Milan dovrà stare attento, ma l’obbligo è quello di superare il turno.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Europa League, gli orari della doppia sfida con il Ludogorets

Milan, le bulgare portano fortuna ma contro il Ludogorets è la prima

Europa League, alla scoperta del Ludogorets

SEGUICI SU: Facebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APP: iOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy