Coco: “Gattuso? E’ una persona vera. Sulle foto scattate da Corona…”

Coco: “Gattuso? E’ una persona vera. Sulle foto scattate da Corona…”

Francesco Coco, ex terzino sinistro di Milan e Inter, si raccontato a 360 gradi in un’intervista rilasciata alla “Gazzetta dello Sport”. Ecco le sue parole

di Salvatore Cantone, @sa_cantone

Francesco Coco, ex terzino sinistro del Milan, ha rilasciato una lunga intervista alla Gazzetta dello Sport, in cui ha svelato alcuni retroscena relativi alla sua carriera: “Perché lasciai il Barcellona dopo solo un anno? Potrei dire che si chiudeva un cerchio: l’Inter mi aveva preso a 12 anni, ma una settimana dopo aveva vinto un provino con il Milan. Potrei dire ‘Io sono così, non c’è sempre un perché in quello che faccio’. Ma forse la risposta sta nel pranzo del 5 maggio a casa di Gerard : io, lui, Puyol e Xavi fatto apposta per vedere Lazio-Inter. Lo scudetto all’Inter: non dico che tifavano ma era una bella novità anche per loro tre, poi quasi più basiti di me. Alla Pinetina dopo quella botta trovai una giunga, ma avevo detto sì già a marzo. Anche se Gaspar, il presidente, provò a chiedermi perché…”

Sulle foto scattate da Corona: “Corona ha fatto molto male, ma è stato in carcere abbastanza: non so neanche quanto, ma per cose più gravi c’è chi ne fa meno. Io quelle mie foto nudo in barca non le ho mai viste, non so quanto le pagò Galliani, so che mi tolse dallo stipendio 36 milioni e gli avevo detto: ‘Per me possono uscire’. Ma Fabrizio non l’ho odiato, mi è solo caduto in basso: eravamo amici, così diceva”.

Su Gattuso: “Rino lo chiamavo ‘il mio fratellino’. Sa cosa gli dicevo sempre? ‘Che bello che sei’. Mica perché è bello fisicamente, eh? Lui è bello dentro: persona vera che si mostra per quello che , e dice sempre la verità. La dico anche io: non mi aspettavo che facesse subito così bene nel Milan. Nessuno se lo aspettava e invece si è dimostrato pronto per allenare pure in A, anche se non lo aveva mai fatto. E sta costruendo una squadra a sua immagine e somiglianza: per buttarla giù ce ne vuole e gioca col sorriso sulle labbra. Lui finge di avercelo poco: fa il burbero, ma ne ho conosciuti pochi così cazzari”.

Sulla sua vita privata: “Il calcio è come una donna, sì: non ce l’hai e ti accorgi che ti manca. Ma io non volevo lasciare il calcio, fu una liberazione necessaria da dolore e sacrifici anche se sentii un mare di scemenze: la sera ero un puttaniere e la mattina dopo gay, cosa aspettarsi? Con Elodie non perché ci lasciammo, ma se provi il caviale poi mangiare il resto è dura. Però spero che la dona della vita da qualche parte ci sia: a 41 anni anni non posso aspettare che nasca e se non l’ho trovata finora è perché l’ho cercata perfetta, che mi emozionasse in modo imparagonabile come ho fatto col calcio”.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Coco: “Montella non meritava di essere il capo espiatorio del Milan”

Gullit su Gattuso: “Ci vorranno tre anni per valutarlo”

Maldini promuove Gattuso: “Rinnovo giusto”

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy