Rivera: “Sono sempre rimasto legato al Milan”

Rivera: “Sono sempre rimasto legato al Milan”

Gianni Rivera, grande ex capitano rossonero, ha parlato del momento del Milan e di tanto altro. Ecco tutte le dichiarazioni del Golden Boy al Match Program

di Stefano Bressi, @StefanoBressi

ULTIME MILAN – È stato il primo italiano a vincere il Pallone d’Oro, da qui il soprannome di ‘Golden Boy‘. Gianni Rivera, capitano rossonero della Stella, torna a parlare ai microfoni del sito ufficiale del Milan. Tantissimi i temi affrontati. Ecco le dichiarazioni di Rivera al ‘Match Program‘ rossonero:

Su Milan-Bologna: “La classifica parla: bisogna vincere per evitare di farsi superare ancora e per riavvicinarsi. Bisogna sperare che il Milan torni a vincere, speriamo già dalla partita col Bologna. Anche se non sarà facile, il Bologna è in un buon momento. Sta giocando bene e a partire dalla gara col Bologna però bisogna tornare a fare punti. Anche perché se non deve essere Champions League, almeno che sia Europa League”.

Su Rivera e il Milan: “Sono sempre rimasto legato al Milan, anche se poi non ci sono più state le condizioni per stare insieme. Però sono rimasto legato alla squadra, ai colori, anche quando non avevo nessun legame”.

Sui tifosi del Milan: “Molta gente per strada mi ferma, mi fa molto piacere. Anche qui a Roma, dove vivo ormai da anni”.

Su Milanello: “È stata sempre una grande cosa, anche se Rizzoli ai tempi pensava di fare anche un piccolo affare, convincendo i giocatori a costruire una casa intorno a Milanello. In realtà non è stato possibile, perché i giocatori volevano vincere a Milano. La difficoltà era nel raggiungere Milanello. C’era ancora l’autostrada a tre corsie, con quella centrale per il sorpasso per entrambi i versi, quindi molto rischiosa. Il Milan ha poi messo a disposizione dei giocatori un pullman e non ci sono stati più problemi. Però i giocatori spesso andavano via prima con le macchine per evitare di stare lì ad aspettare”.

Sul Milan che verrà: “Chi non è dentro la società lo vive marginalmente, lo subisce più che altro. Dispiace vedere che le cose non hanno funzionato come avrebbero dovuto. Però ci sono tutte le condizioni per tornare a viverlo ad alti livelli. Come eravamo abituati. Credo che la nuova dirigenza troverà la strada per ridare ai tifosi le gioie del passato”. Per le parole, invece, di un altro grande ex capitano rossonero, Franco Baresi, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy