L’opinione: “Milan, ecco come risolvere il problema del gol”

L’opinione: “Milan, ecco come risolvere il problema del gol”

Inserire Fabio Borini per Hakan Calhanoglu, con Paquetà più vicino a Piatek. Ecco un’idea per risolvere il problema del gol in casa Milan

di Donato Bulfon, @DonatoBulfon

Intervistato da RMC Sport, ecco le parole del giornalista Alberto Cerruti sul momento del Milan: “Credo che i rossoneri abbiano fatto benissimo ma ha sfruttato i problemi dell’Inter che ha avuto un crollo altrimenti i nerazzurri sarebbero ancora avanti. Il Milan contro il Sassuolo ha manifestato tutti i suoi problemi, con gli emiliani che meritavano la sconfitta. Penso che serva tanta umiltà perché c’è da sudare per arrivare in Champions League e Gattuso dovrebbe mettere Borini al posto di Calhanoglu e avanzare Paquetà più vicino a Piatek. Così il Milan potrebbe fare meglio e risolvere i problemi del gol. Montolivo? E’ un grande esempio di serietà per tutti. E’ stato degradato per dare la fascia a Bonucci e non ha detto nulla. Quest’anno non ha mai giocato ma non ha mai detto nulla e la sua famiglia non ha mai fatto esternazioni di alcun tipo”.

INTANTO, ECCO LE PRINCIPALI NOTIZIE ODIERNE PER I COLORI ROSSONERI: CONTINUA A LEGGERE >>>

CHIEVO-MILAN IN ESCLUSIVA SU DAZN. PER VEDERLA GRATIS, CLICCA QUI!

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14173997 - 2 settimane fa

    Che sciocchezza enorme. Se c’è un giocatore che ha cambiato la fase di costruzione del Milan questo è proprio Paqueta sulla mediana. Dirottare il brasiliano accanto a Piatek, significa perdere l’unico centrocampista capace di saltare il primo pressing e giocare subito in verticale, il ché vuol dire delegare l’impostazione a Bakayoko e Kessie… Risultato: centrocampo che viene puntualmente saltato con palla lunga e pedalare. Tattica che può fruttare solo se hai qualche fortunoso episodio a favore, ma nel più dei casi ti rende prevedibile e innocuo lì davanti. Paqueta, col suo controllo sempre verso l’area avversaria è l’unico a dare ritmo e continuità alla manovra quando si parte da dietro. Senza di lui il flusso si interrompe.
    Un commento da 4 soldi, come spesso accade quando i giornalisti passano da cronisti a opinionisti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy