Kessie-Bakayoko-Acerbi: ecco cosa ne pensa la Procura Federale

Kessie-Bakayoko-Acerbi: ecco cosa ne pensa la Procura Federale

Franck Kessie e Tiemoue Bakayoko vanno verso l’assoluzione piena (o quasi) per lo sfottò a Francesco Acerbi al termine di Milan-Lazio: il punto

di Daniele Triolo, @danieletriolo

ULTIME MILAN – Sabato sera il Milan ha battuto per 1-0 la Lazio a ‘San Siro‘ grazie ad un calcio di rigore trasformato dal centrocampista ivoriano Franck Kessie. Proprio lui, insieme a Tiemoue Bakayoko, si è reso protagonista di un gesto censurabile: i due giocatori, infatti, al termine del match sono andati a festeggiare sotto la Curva Sud esponendo la maglia di Francesco Acerbi, che l’aveva appena scambiata con Bakayoko, quale ‘bottino di guerra’ dopo la diatriba verbale via social dell’ultima settimana.

Uno sfottò per il quale sia Bakayoko sia Kessie si sono immediatamente scusati con l’ex difensore del Milan, prima sempre attraverso i social, quindi in via privata e personale. Nel mezzo, sono arrivate anche le scuse del Milan. Per i due giocatori rossoneri, però, è stata richiesta la prova tv per valutare se, nella fattispecie, vi sia stata ‘condotta violenta’, naturalmente di tipo morale e non fisico, nei confronti del numero 33 della Lazio. Domani arriveranno le decisioni del Giudice Sportivo di Serie A, Gerardo Mastrandrea, sul caso.

Secondo quanto riportato da ‘Sky Sport‘, però i tre ufficiali della Procura Federale presenti a bordo campo, a ‘San Siro‘, per Milan-Lazio non avrebbero messo nulla a referto di tutto questo, essendosi concentrati più che altro sulla rissa accaduta in mezzo al campo che ha visto protagonisti, in negativo, i laziali Luiz Felipe e Patric ed il milanista Andrea Bertolacci. Bakayoko e Kessie, dunque, andrebbero verso l’assoluzione o, al massimo, un’ammenda. Intanto, in vista di Parma-Milan di sabato prossimo, questa la condizione degli infortunati rossoneri: continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy