Rocco Sabelli: ecco il probabile nuovo membro del Cda del Milan

Rocco Sabelli: ecco il probabile nuovo membro del Cda del Milan

Il nuovo Cda del Milan verrà annunciato il prossimo 21 luglio ma intanto il nome di Rocco Sabelli sembra essere uno dei papabili a entrare in società

di Giovanni Calenda

Nel Consiglio d’amministrazione convocato oggi da Elliott a Casa Milan si sono presentati Franco Papa, presidente del Collegio sindacale della società rossonera, Roberto Cappelli, membro del Cda del club (in compagnia dell’avvocato Aiello), Paolo Scaroni (nuovo potenziale presidente del Milan) e l’attuale amministratore delegato Marco Fassone. Marco Patuano, anche lui membro del Cda, ha partecipato in conference call: assenti invece i quattro cinesi. Secondo quanto si è appreso da Sky Sport sono stati proposti 3 nuovi nomi per il nuovo Cda del Milan, in sostituzione dei membri appartenenti al ramo di Yonghong Li. Tra questi, oltre a Furlani e Tuil, anche quello di Rocco Sabelli. Scopriamo insieme chi è.

CARRIERA – Rocco Sabelli è nato ad Agnone, provincia di Isernia, il 12 agosto 1954. Ha conseguito la laurea in Ingegneria Chimica presso l’Università La Sapienza di Roma e ha iniziato la sua carriera professionale nello Zuccherificio del Molise. A soli 31 anni viene assunto in Ageni, l’agenzia per la riconversione, privatizzazione e dismissione delle aziende del gruppo Eni, come responsabile di fusioni e acquisizioni, sviluppo progetti e pianificazione strategica. All’interno dello stesso gruppo, dal ’90 al ’92, diventa Amministratore Delegato e Presidente della Nuova IDENI, finanziaria di partecipazioni industriali. Gli anni successivi ricopre il ruolo di Responsabile Pianificazione e Controllo della Regione Lazio e di TIM (Telecom Italia Mobile), diventandone anche Direttore Generale nel 1998. Nel 2003 diventa Amministratore Delegato della società controllata Piaggio, nella cui azienda ha il compito principale di completare il consolidamento nel settore delle due ruote con le acquisizioni di Aprilia e Moto Guzzi, di rivitalizzare il business con il lancio di nuovi prodotti (ad esempio il primo scooter a tre ruote MP3).

IL GRANDE SALTO – La svolta nella carriera di Sabelli arriva nel 2008 quando viene scelto come Amministratore Delegato della Compagnia Aerea Alitalia per portare a termine il “piano Fenice”, il progetto di salvataggio e rilancio di Alitalia messo a punto da Banca Intesa nell’estate 2008 su incarico del governo italiano. Nel giro di pochi anni ottiene il tanto sognato break even point (pareggio di bilancio) e nel febbraio 2013 si dimette dalla carica. Si parla dunque di una persona esperta e competente nell’ambito di manovre finanziarie e risanamenti aziendali. Proprio ciò di cui avrebbe bisogno il Milan, anche per rendere il club più appetibile sul mercato nel momento cui Elliott deciderà di metterlo in vendita al miglior offerente. Scopri invece il profilo del prossimo potenziale presidente del Milan Paolo Scaroni.

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy